25.4 C
Milano
17. 09. 2021 15:04

La malattia più cercata sul web? L’endometriosi

Il Covid non è presente nelle prime 30 posizioni della classifica stilata da MioDottore

Più letti

Endometriosi, menopausa, osteoporosi. Sono le malattie più cercate sul web dagli italiani nel 2020. A sorpresa il Covid non è presente nelle prime trenta posizioni della classifica stilata dalla piattaforma MioDottore.

Insomma, non è questa la patologia che ha generato più dubbi, necessità di chiarimenti o anche semplicemente curiosità da parte degli utenti interessati ai temi legati a salute e benessere.

Maggiori timori. Dal 2018 endometriosi e menopausa si contendono, alternandosi, i primi due posti di questa speciale classifica e nell’edizione 2020 è l’endometriosi a essere capolista. Diversamente, al terzo gradino si posiziona sempre una patologia riconducibile all’area ortopedica: nel 2020 è l’osteoporosi (che dal quarto posto nel 2019 sale di uno scalino), l’anno prima si parlava invece di alluce valgo, mentre nel 2018 era la scoliosi la terza preoccupazione in ambito salute per gli italiani.

Ampliando l’analisi all’intera lista delle malattie più cercate online nel 2020, si evidenzia come le problematiche legate alla struttura scheletrica siano quelle che maggiormente impensieriscono gli italiani (11% delle ricerche totali), tra queste spiccano: osteoporosi, alluce valgo, ernia del disco, scoliosi, mal di schiena e sciatalgia. Seguono quelle relative alla sfera intima-sessuale (10% delle ricerche totali): nello specifico quattro disturbi interessano l’area ginecologica e una quella andrologica.

Infine, anche l’ambito dermatologico suscita apprensione e dubbi, registrando il sei per cento del numero totale di ricerche sulla salute con acne e alopecia, rispettivamente al sesto e ottavo posto tra le patologie più cercate.

Nuove paure. Rispetto all’anno precedente tre new entry si inseriscono nella top 30 delle malattie più cercate nel 2020 e coinvolgono rispettivamente le aree psicologica, neurologica e ortopedica, nello specifico con: ansia, malattia di Parkinson e sciatalgia. Mentre sono assenti alcuni disturbi che avevano impensierito gli italiani nel 2019, ovvero setto nasale deviato, cisti sebacea ed epilessia.

Ancora una volta è la quota rosa a confermarsi più attenta in ambito benessere e la maggiormente attiva in rete quando si tratta di indagare lo stato di salute personale o dei propri cari: ben oltre la metà delle ricerche totali (63%), infatti, è stata effettuata da donne. Ma cosa cercano online donne e uomini? Se ai primi due posti di questo speciale ranking troviamo patologie differenti nelle ricerche femminili (endometriosi e acne) e maschili (osteoporosi ed ernia inguinale), la menopausa (terzo posto) mette d’accordo i due generi. Sempre più donne desiderano, infatti, essere informate su come affrontare la loro nuova fase di vita e gli uomini non vogliono farsi trovare impreparati.

«L’indagine evidenzia quanto i pazienti italiani siano interessati al proprio benessere e facciano affidamento alla tecnologia per indagare il proprio stato di salute. Per questo la piattaforma mette al servizio degli utenti differenti strumenti per avvicinarli agli specialisti di cui hanno bisogno – spiega Luca Puccioni, ceo di MioDottore -. Tra le più recenti funzionalità attivate e messe a disposizione, c’è la consulenza online, con circa settemila esperti pronti ad affrontare dubbi e preoccupazioni dei pazienti. Nato per far fronte alle esigenze sorte con il primo lockdown, il progetto consente di incontrare via video i professionisti della piattaforma, per un iniziale colloquio o per appuntamenti di consueto monitoraggio di corpo e mente».

In breve

Green Pass, Pregliasco: «Meglio l’obbligo vaccinale»

Mentre il green pass è stato esteso anche ai lavoratori del privato, c'è chi chiede misure più severe da...