16.3 C
Milano
19. 10. 2020 18:03

Adesso la consulenza del medico si cerca su WhatsApp

La pandemia ha cambiato il modo di comunicare tra medici di famiglia e pazienti, che hanno scelto telefonate, sms, messaggi WhatsApp e email per raccontate storie cliniche e chiedere consigli e prestazioni

Più letti

Fontana ancora contro il Dpcm: «Ai sindaci responsabilità impopolari»

Il governatore Fontana torna all'attacco del Dpcm in merito ai poteri conferiti ai sindaci in materia di chiusura di...

Ospedale Sacco, parla il dottor Olivieri: «I numeri ci hanno sopraffatto. C’è da aver paura»

Il professor Pietro Olivieri, direttore medico del presidio ospedaliero del Sacco, intervistato durante la trasmissione "Tagadà" ha fatto il...

Alitalia, prolungati i voli Covid-Tested da Linate

Alitalia ha annunciato che i voli Covid-Tested operativi sulla tratta Linate-Roma e Roma-Linate verranno estesi fino al 7 novembre. I...

Il quadro emerge dall’indagine condotta dall’Osservatorio innovazione digitale in sanità della School of management del Politecnico di Milano in collaborazione con il Centro studi della Fimmg (Federazione italiana medici di Medicina generale): oggi le consulenze dei medici italiani passano via WhatsApp.

 

Adesso il medico si cerca su WhatsApp

Piattaforme digitali. Il 97 per cento dei medici intervistati ha riferito che l’attività su cui si è verificato l’impatto maggiore è stata quella del consulto telefonico; l’84% ha indicato un impatto molto elevato nell’uso di multicanali. Stando al sondaggio, realizzato su un campione di 740 medici di base, si è rivelata con forza la necessità di piattaforme di collaboration come Zoom, Teams, Skype e di piattaforme di comunicazioni dedicate.

Lavoro da remoto. Il 95% dei medici di base vede, insomma, nelle risorse della telemedicina la risposta per gestire, negli scenari post-Covid, la salute e le cronicità. Una soluzione che viene giudicata di grande interesse per la professione: l’88 per cento dei medici vuole utilizzare il tele-consulto con gli specialisti, il 60% per cento la tele-cooperazione (medici di famiglia-specialista-paziente), il 74% le risorse destinate alla tele-salute, il 72% quelle per la teleassistenza. Il 51% degli intervistati inoltre ha dichiarato di aver svolto lavoro da remoto durante l’emergenza, accedendo al sistema informatico di gestione dei dati clinico-assistenziali dei pazienti lontano dal proprio studio. «Abbiamo recepito chiaramente come si sia verificato il repentino adeguamento della professione a modalità di comunicazione con i propri assistiti evolute ed alternative», spiega Paolo Misericordia, responsabile del Centro studi Fimmg.

In breve

Fontana ancora contro il Dpcm: «Ai sindaci responsabilità impopolari»

Il governatore Fontana torna all'attacco del Dpcm in merito ai poteri conferiti ai sindaci in materia di chiusura di...

Ospedale Sacco, parla il dottor Olivieri: «I numeri ci hanno sopraffatto. C’è da aver paura»

Il professor Pietro Olivieri, direttore medico del presidio ospedaliero del Sacco, intervistato durante la trasmissione "Tagadà" ha fatto il punto sulla situazione dell'ospedale milanese. La...

Alitalia, prolungati i voli Covid-Tested da Linate

Alitalia ha annunciato che i voli Covid-Tested operativi sulla tratta Linate-Roma e Roma-Linate verranno estesi fino al 7 novembre. I voli.  Partiti lo scorso settembre,...

Pregliasco: «Prendere in considerazione il coprifuoco a Milano»

Il virologo e componente del Cts Lombardo Fabrizio Pregliasco ha fatto il punto sull'attuale situazione epidemiologica in Lombardia ed ha auspicato l'introduzione del coprifuoco...

Milano, il “Curvo” di City Life accoglie i primi dipendenti

Il "Curvo" di City Life, ovvero l'ultimo grattacielo firmato Daniel Libeskind, apre le sue porte ai primi dipendenti che occuperanno i nuovi uffici nel...

Potrebbe interessarti