3.2 C
Milano
03. 12. 2020 17:59

Arrivano le nuove ricette semplificate: al via nel 2021

Ecco come le farmacie potranno accedere alle prescrizioni

Più letti

“Aquile randagie”, un documentario per ricordare il gruppo ribelle di scout milanesi

Nel gennaio 1927 Mussolini decretò lo scioglimento dei reparti scout, affidando la disciplina muscolare dei giovani italiani all'Opera Barilla....

Milano, senza pendolari i treni regionali diventano terra di nessuno: ubriachi e senza mascherina. Il video

La situazione di degrado sui treni regionali è preoccupante. Senza impiegati e studenti costretti a casa dalle restrizioni dell'ultimo...

Milano, Sant’Ambrogio rivive sui muri della città

Tra pochi giorni si celebrerà il santo patrono di Milano, Sant'Ambrogio. La città ha voluto omaggiarlo con un grande...

Dal 2021 verrà eliminata per sempre la stampa del promemoria delle ricette: tutto sarà in formato digitale, sia per il medico sia per il farmacista. La farmacia potrà così accedere alle prescrizioni direttamente dal proprio software gestionale e al paziente, per richiedere i medicinali, basteranno la tessera sanitaria e un codice usa e getta.

Una nuova convenzione per la trasformazione digitale

Il merito è della nuova convenzione siglata fra Regione Lombardia, Federfarma Lombardia e Assofarm/Confservizi Lombardia per l’utilizzo della piattaforma tecnologica Siss – Sistema informativo socio-sanitario – da parte delle farmacie territoriali.

L’accordo, della durata di cinque anni, consentirà di migliorare alcuni importanti servizi a disposizione dei cittadini, semplificando i processi e rendendo più agevole l’accesso a farmaci e prestazioni sanitarie, anche a supporto di una più efficace continuità ospedale-territorio.

Inoltre, il farmacista potrà registrare nel fascicolo sanitario elettronico il numero di cellulare dell’assistito. In questo modo, il paziente potrà ottenere via sms il codice Nre, ossia il numero della ricetta elettronica e, in futuro, il codice usa e getta: un’utile agevolazione per le persone meno tecnologiche, che non sono dotate di smartphone e non utilizzano Internet.

ricette digitali lombardia

Un’alleanza tra Regione e farmacie in favore dei cittadini

«Questo accordo – spiega Annarosa Racca, presidente di Federfarma Lombardia – rafforza per i prossimi cinque anni la collaborazione che già lega le farmacie lombarde alla Regione e ci permetterà di garantire ai cittadini un servizio ancora più moderno, efficiente e di prossimità, valorizzando il nostro ruolo di avamposto del sistema sanitario sul territorio».

Prosegue Gallera: «L’alleanza fra la Regione e il sistema delle farmacie lombarde si arricchisce di un nuovo tassello molto importante che pone l’innovazione tecnologica al servizio della semplificazione, a totale beneficio del cittadino. Il percorso di collaborazione è stato avviato negli anni scorsi attraverso l’attivazione della possibilità di prenotare in farmacia le prestazioni specialistiche e diagnostiche da effettuare nelle strutture sanitarie regionali, e si è ulteriormente irrobustito con il coinvolgimento della rete delle farmacie per la distribuzione dei vaccini ai medici di base»

In breve

“Aquile randagie”, un documentario per ricordare il gruppo ribelle di scout milanesi

Nel gennaio 1927 Mussolini decretò lo scioglimento dei reparti scout, affidando la disciplina muscolare dei giovani italiani all'Opera Barilla....

Milano, senza pendolari i treni regionali diventano terra di nessuno: ubriachi e senza mascherina. Il video

La situazione di degrado sui treni regionali è preoccupante. Senza impiegati e studenti costretti a casa dalle restrizioni dell'ultimo Dpcm, i vagoni si sono...

Milano, Sant’Ambrogio rivive sui muri della città

Tra pochi giorni si celebrerà il santo patrono di Milano, Sant'Ambrogio. La città ha voluto omaggiarlo con un grande murales in fase di completamente...

Dopo 74 anni il ritorno a casa: ritrovato lo stemma del museo Poldi Pezzoli

Il Museo Poldi Pezzoli riabbraccia il monumentale stemma gentilizio Poldi Pezzoli realizzato in bronzo dall'artista lombardo Lodovico Pogliaghi, tra il 1875 e il 1880. Il...

Lavoratori dello spettacolo sotto Palazzo Lombardia: «Stanchi di non essere essenziali»

C'è chi non ce la fa più a sentirsi etichettato come "settore non essenziale". Stiamo parlando dei teatri, dei musei, delle sala da concerto...

Potrebbe interessarti