Zaino pesante, è boom di mal di schiena

zaino
zaino

Con l’inizio del nuovo anno scolastico torna attuale un tema del quale si parla da anni: lo zaino utilizzato dai ragazzi può essere causa di problemi legati alla schiena? Fra libri, quaderni e altro materiale necessario in classe, i ragazzi sono costretti a portare sulle spalle un peso eccessivo, che a lungo andare può compromettere la loro postura e quindi la loro salute. Secondo una recente ricerca, bambini e adolescenti sono sempre più esposti al mal di schiena. Quasi un ragazzino su tre racconta di sentire dolore e di non riuscire a mantenere la giusta posizione. Naturalmente le cause sono molteplici.

LE CAUSE • Oltre agli zaini eccessivamente pesanti, gli esperti indicano anche la vita eccessivamente sedentaria e l’uso smodato di tablet, pc e cellulari. Normalmente all’origine del problema ci possono essere un affaticamento muscolare, una cattiva postura tenuta troppo a lungo, un eccessivo allenamento in un singolo sport o in più attività fisiche nella stessa stagione. Ma, secondo gli esperti, possono riscontrarsi anche cause opposte, come la troppa poca attività fisica.

Le cause più comuni e diagnosticabili del mal di schiena per bambini e adolescenti sono: frattura da stress nella parte bassa della schiena; instabilità o spostamento in avanti della colonna vertebrale inferiore sul coccige (spondilolistesi); cattiva postura e cifosi; lesioni per scarsa preparazione o sovrallenamento; ernia del disco; infezione.

I RIMEDI • Per contrastare ridurre al minimo il rischio di questa patologia, i medici specialisti incoraggiano i giovanissimi a mantenere una postura corretta. Ma li spingono anche a mantenere una buona forza muscolare di base, flessibilità e allenamento aerobico, facendo attività fisica regolarmente ed evitando l’uso frequente di zaini pesanti, da indossare sempre su entrambe le spalle per distribuire meglio il peso del carico in modo uniforme. In questo modo è possibile eliminare quasi completamente una delle cause più frequenti di questa patologia.

E se si puntasse sul trolley?

Ecco come scegliere il contenitore ideale

Per essere sopportabile, lo zaino per la scuola non deve superare il 10 per cento del peso corporeo (cioè per un bimbo di 6-8 anni non più di tre chili). Inoltre, spiegano gli esperti, va sempre portato su entrambe le spalle, in modo da bilanciare il peso. Meglio comunque se si sceglie un trolley. Importante, nel momento in cui si acquista lo zainetto, è sceglierne uno in tessuto leggero, in modo che non ci sia altro peso aggiuntivo rispetto a quello dei libri.

Ma non finisce qui, perché bisognerebbe sempre controllare che il contenitore sia dotato di uno schienale rigido, per evitare che i libri possano premere sulla schiena e far male con gli angoli. Allo stesso tempo non deve essere troppo grande, in modo da permettere una maggiore compattezza del contenuto. Infine, lo zainetto perfetto dovrebbe avere bretelle larghe e regolabili; buona qualità per quanto riguarda tessuto e cuciture; essere provvisto di una cintura da allacciare intorno alla vita, per evitare che balli mentre si cammina; essere preferibilmente un trolley per non affaticare la schiena. DU

Buccinasco, addio pesi
Alla Robarello i libri si lasciano in classe

A Buccinasco, provincia di Milano, lo zaino pesante ormai è solo un ricordo. All’istituto primario Robarello la scuola senza zaino è infatti una realtà. Un progetto che ha visto la partecipazione anche dei genitori che si sono messi all’opera per preparare le aule dei propri figli. In classe non ci sono i tradizionali banchi, ma isole dedicate alle materie, dalla matematica alle scienze, storia, geografia e lingue straniere. Inoltre gli alunni hanno solo una piccola, e leggera, cartellina con dentro i lavori che svolgono. Un sistema che piace ai bambini, ma soprattutto ai genitori. In modo che non siano costretti a fare su e giù portando zaini pieni di libri e pesantissimi. Il progetto quest’anno coinvolge tre classi, ma ha l’ambizione di crescere ancora.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here