3.4 C
Milano
19. 01. 2021 18:50

Brozovic, il “salta fila del pronto soccorso”: necessario l’intervento dei carabinieri

Il centrocampista dell'Inter pretendeva di far visitare un amico, ferito lievemente, prima di altri pazienti. Dopo il coinvolgimento dei carabinieri, le scuse

Più letti

Bollettino regionale, meno di 1.000 contagi in Lombardia: Milano, +139

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 930, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Il declassato Gallera torna in consiglio: «Sto recuperando le mie energie psico-fisiche»

Gallera torna in consiglio regionale per la prima volta nel 2021 e lo fa da semplice consigliere. Tra gli...

Movida Delivery, dalla voglia di greco alle quiche di Knam

Con i ristoranti chiusi, non resta che ordinare le prelibatezze offerte da Milano direttamente a casa. Ecco la selezione...

Non sembra aver passato una nottata semplice Marcelo Brozovic. Il centrocampista 27enne dell’Inter ha dato in escandescenze in un pronto soccorso di Milano dove ha preteso di far visitare un amico, lievemente ferito a una gamba, prima degli altri pazienti, più gravi di lui, in attesa. Per riportare la calma sono dovuti intervenire i carabinieri, chiamati dal personale del pronto soccorso dell’ospedale San Carlo.

A causa del suo atteggiamento ostile, i carabinieri hanno invitato Brozovic a calmarsi, perché il suo comportamento stava sfociando nel penale. Sono seguite le scuse da parte del calciatore, staff medico compreso. Non è il primo episodio in cui Brozovic, ubriaco, appare su di giri. Giusto una quindicina di giorni fa si era visto sospendere la patente per essere passato con il rosso a bordo della sua Rolls Royce. Anche in quell’occasione il centrocampista è stato sorpreso con un tasso alcolemico elevato.

In breve

MIlano, all’asilo di via Massaua si battono i denti: condizioni inaccettabili per i genitori dei piccoli alunni

«Nella scuola di mio figlio c’erano appena 3 gradi: bambini e maestre dovevano indossare tutto il tempo sciarpa e...

Potrebbe interessarti