football americano
football americano

Tsunami nel mondo del football americano milanese: nel 2019, la I Divisione italiana non potrà più contare, per la prima volta dal 2011, sul derby della Madonnina. L’ufficialità è arrivata all’indomani della presa di posizione dei Rhinos con la rinuncia al massimo campionato della palla ovale.

Da sempre la rivalità che lega le due squadre ha infiammato il torneo: la stracittadina è stata spesso il palcoscenico dove i due team milanesi si sono sfidati per traguardi prestigiosi come successo nel luglio 2017 dove i Seamen Milano hanno vinto l’Italian Bowl battendo i “cugini”.

Il fulmine a ciel sereno ha colpito tutti gli appassionati meneghino e per questo il neo presidente dei Rhinos, Rendall Narciso, è intervenuto per gettare acqua sul fuoco: «Questa scelta è data dalle priorità che ci siamo dati. Io qui sono stato vicepresidente nel 2014 e all’epoca, oltre al titolo nazionale under 16, in tutto il settore giovanile avevamo ben 100 ragazzi. Sono tornato quest’anno e ho potuto constatare, purtroppo, che adesso arriviamo a malapena a 40. Vogliamo rinfoltire le nostre categorie che sono alla base: siamo qui per far giocare i ragazzi. Siamo contenti se vinciamo, ma vogliamo prima di tutto creare opportunità per tutti loro. Se investi il 70% per la prima squadra per prendere due o tre americani e questo non è compensato dallo sviluppo, il modello non sta in piedi e perdi di vista quella che è la nostra missione».

Per questo gli arancionero, a marzo, ripartiranno dalla II Divisione guidati dal capo allenatore Matteo Piccoli.

DUE SPONDE • Rilanciano, invece, i campioni d’Italia che saranno regolarmente al via della I Divisione. I Seamen hanno riconfermato nel ruolo di head coach Michael Wood, vincitore del tricolore lo scorso anno al debutto e che sarà anche defensive coordinator. Non solo: la formazione del presidente Mutti quest’anno ritroverà nel ruolo di offensive coordinator Tony Addona, coach italo-americano che nel 2017 ha riportato l’Italian Bowl a casa dopo la parentesi dei Rhinos.

Per quanto riguarda gli import, confermati il ricevitore statunitense Xavier Mitchell e il quater back oriundo Luke Zahradka. Al debutto con i marinai ci sarà il defensive back statunitense Anthony Sherrils. Atleta originario di Kansas City, dal 2014 al 2017 ha occupato il ruolo di titolare in un’università del calibro di Missouri, per tutti gli appassionati conosciuta come “Mizzou” (I NCAA Division SEC) con un record di 64 placcaggi nel 2015, 53 nel 2016, 62 nel 2017. A riprova di qualità fuori dal comune, Anthony Sherrils è stato messo sotto contratto dai Detroit Lions venendone poi rilasciato.

I campioni d’Italia avranno la loro vetrina anche in Europa nella prestigiosa CEFL (Central European Football League), lega continentale nella quale figurano alcune delle squadre più illustri del vecchio continente, a partire dagli Swarco Raiders Tirol, campioni in carica del torneo. Qui i marinai giocheranno l’11 maggio in casa contro gli austriaci e, il 25 maggio, in trasferta con i Black Panthers Thonon. «Ci sono tutti gli ingredienti per una grande stagione – carica il presidente Marco Mutti – e non dimentichiamo che, al 90%, dovremmo tornare a giocare al Vigorelli, la nostra casa da sempre».


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/