29.1 C
Milano
Gio, 09 Lug 2020 16:59:21

Maxibasket Milano: «Grazie a chi ci crede»

Più letti

Uno studio spagnolo rivela quanto l’immunità di gregge sia ancora un’utopia

L'immunità di gregge è per ora un'utopia. A dimostrarlo una ricerca condotta su oltre 60.000 persone dai ricercatori dell'Istituto...

Milano, presidio lavoratori H&M: «Ci obbligano a trasferirci. È solo un pretesto»

I lavoratori di H&M di Milano sono pronti nuovamente a dar battaglia all'azienda. Al centro della protesta la chiusura...

Milano, riaprono le discoteche: «Una sorta di ritorno al night anni ’60»

L'ora "X" è scattata: domani riaprono finalmente le discoteche. Finalmente si potrà tornare a ballare, ma solo a determinate...

Alla base del progetto Maxibasket Milano, gruppo costituitosi due anni fa da ex giocatori con tanto entusiasmo, c’è la convinzione che si possa e si debba andare oltre l’età. Loro sono stati fortunati, alcuni come Giorgio “Papo” Papetti, sono arrivati anche a giocare in Nazionale. Ed è proprio Papetti, presidente di Museodelbasket.it e coorganizzatore dell’iniziativa, a spiegare a Mi-Tomorrow come nasce questa realtà unica nel suo genere.

Papetti, una serata in pizzeria e nasce il progetto MaxiBasket Milano.
«Sono stato chiamato due anni fa per costruire una Nazionale Over 65. Una proposta che ho voluto condividere con alcuni amici. Come Pino Maccheroni, Alessandro Sarina, Mario Vignati. Tutti con un passato a Milano. Una serata in pizzeria, l’occasione per decidere di buttarci in questa avventura. Perché di avventura si trattava».

Poi?
«L’iniziativa su Facebook ha riscosso parecchio successo. Si sono presentati 30 ex giocatori, ai quali ho spiegato il progetto. Li ho tenuti tutti. Non altrettanto bene è andata con altri ex giocatori da me personalmente contattati. Molti di loro si sono dimostrati dubbiosi. Ma questo non ci ha fermato. Oggi siamo 40 soci».

La solidarietà è la missione di MaxiBasket Milano.
«Esatto. Facciamo tutto questo non solo per il piacere di tornare a giocare a basket. Nel nostro statuto abbiamo previsto di destinare a persone meno fortunate una parte di quanto riusciamo a raccogliere con le nostre iniziative. Sia ex giocatori caduti in disgrazia o in situazioni di grave disagio economico che famiglie e bambini con difficoltà varie. MaxiBasket Milano crede fortemente nella propria “responsabilità sociale” e all’attività di charity per promuovere e supportare direttamente attività benefiche».

Un esempio che vuole raccontare?
«A settembre, nella cornice dell’Istituto Zaccaria di Milano, il MaxiBasket Milano ha affrontato, con una selezione Over 55, un triangolare organizzato in collaborazione con Vidas. In quella occasione, hanno presenziato Pierluigi Marzorati e Carlo Recalcati. Grazie anche al successo della manifestazione, Vidas ha realizzato un centro pediatrico. E Sandro Gamba, decano del nostro basket, l’anno scorso ha consegnato, da parte di MaxiBasket Milano, un “assegnone” alla Casa Pediatrica dell’Ospedale Fatebenefratelli. E non ci fermeremo certo qui».


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/

In breve

Uno studio spagnolo rivela quanto l’immunità di gregge sia ancora un’utopia

L'immunità di gregge è per ora un'utopia. A dimostrarlo una ricerca condotta su oltre 60.000 persone dai ricercatori dell'Istituto...

Milano, presidio lavoratori H&M: «Ci obbligano a trasferirci. È solo un pretesto»

I lavoratori di H&M di Milano sono pronti nuovamente a dar battaglia all'azienda. Al centro della protesta la chiusura dei punti vendita in piazza...

Milano, riaprono le discoteche: «Una sorta di ritorno al night anni ’60»

L'ora "X" è scattata: domani riaprono finalmente le discoteche. Finalmente si potrà tornare a ballare, ma solo a determinate condizioni. In primis, i locali...

Piazzale Baiamonti, abbattuto l’anfiteatro degli artisti di strada: scontro aperto tra ambientalisti e Palazzo Marino

Si aggiunge un altro episodio alla vicenda del piazzale Baiamonti. Nei giorni scorsi un blitz con tanto di bulldozer ha distrutto l'anfiteatro costruito dagli...

Attenzione alla nuova truffa: un falso sms di Findomestic come “cavallo di Troia”

L'ultima frontiera delle truffe si chiama social engineering, uno dei modi più subdoli per raggirare i poveri malcapitati. Un sms riportante «Come da sua...

Potrebbe interessarti