13.8 C
Milano
10. 04. 2021 14:17

Meneghin-Casalini: «Olimpia, serve consapevolezza»

Più letti

Fontana: «Faremo un’estate da liberi. Entro domani prima dose di vaccino a tutti gli over 80»

«Quando saremo fuori bisogna chiederlo ai medici, ma questa estate, entro luglio, sempre che arrivino i vaccini, saremo messi...

Sondaggio Eumetra: «Albertini unico nome in grado di battere Sala»

C’è una sola carta in mano al centrodestra per provare ad impensierire seriamente Giuseppe Sala alle prossime elezioni Comunali...

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...

Un gigante che con l’Olimpia Milano ha vinto tutto e il coach più vincente di sempre nella storia delle Scarpette Rosse, Dino Meneghin e Franco Casalini: Dino, dieci anni in maglia Olimpia conditi da cinque scudetti, due Coppa Italia, altrettante Coppe Campioni e una Coppa Korac; Casalini, 14 anni alla guida di Milano, guidò il gruppo alla conquista di una Coppa Intercontinentale, una Coppa dei Campioni e un tricolore.

«Tutto incominciò quando vidi una partita dei giochi del Mediterraneo del 1961 in tv e mi innamorai di questo sport – ricorda Casalini –, poi, una volta acclarato che ero un brocco mai visto, mi sono detto “Facciamo qualcosa di diverso”. E ho deciso di insegnare». Gli fa eco Meneghin: «Prima di iniziare a giocare a basket ho fatto atletica leggera, poi ho capito che quella del basket era la cosa che mi piaceva di più».

COMPETITIVI? • Oggi l’Olimpia finalmente appare competitiva anche in Eurolega: «Ha vinto campionato e Supercoppa, ma in Europa non ha raccolto quanto il gruppo Armani ha investito – prosegue Meneghin –: non è detto che chi ha più soldi vinca, perché la squadra è fatta da ingegneri e muratori e nessuno deve essere invidioso. Quando giocavo io, oltre a me, McAdoo e D’Antoni c’erano anche gli altri che ci hanno aiutato ad allenarci bene e a far vincere la squadra. Deve esserci la consapevolezza e la bravura di saper ingaggiare atleti che sappiano stare al loro posto. In Europa ci sono molti club che hanno budget doppi dell’Olimpia. E la tassazione per gli americani negli altri paesi è inferiore. Oggi Milano sfida corazzate che al mio tempo non erano così tante». E Casalini: «Un altro vantaggio è che in quegli anni noi eravamo quasi gli stessi. Oggi ogni anno ne cambi 7-8 e devi ripartire. Quest’anno hanno deciso di tenere una base consolidata. E le prospettive sono migliori».

RICORDI • Rimpianti? «Rigiocherei altre 100 volte la finale di Coppa Campioni 1983 persa contro Cantù di un punto – ricorda, amaro, Meneghin –. La NBA? Venni scelto nel 1970 dagli Atlanta Hawks, poi non mi chiamarono più». Casalini, invece, ricorda la seconda sfida consecutiva contro l’Aris Salonicco: «Arrivammo e provammo ad entrare in campo, ma non riuscivamo per le dracme che ci tiravano. Quando siamo arrivati a Gand, sede della semifinale, di quattro lati del campo tre erano occupati da greci: era un clima non facile e si veniva da una stampa che ci aspettava con i forconi. Ma, per una concatenazione di eventi, alla fine la Coppa fu nostra. Per il secondo anno consecutivo».

In breve

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...