11.9 C
Milano
10. 04. 2021 22:05

Milan, il domani è Elliott

Più letti

In 300 assembrati per il video del rapper: in via Micene scoppia la guerriglia con la Polizia

Un gruppo di circa 300 ragazzi si è ritrovato per un video rap in via Micene, alla periferia di...

Bollettino regionale Covid: tasso di positività al 5,6%, intensive -4, ricoveri -193, decessi +81

I positivi al Covid-19 riscontrati nelle ultime 24 ore in Lombardia sono 2.974 con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Anche Guido Bertolaso vaccinatore a domicilio

«Questa mattina Guido Bertolaso ha smesso i panni di coordinatore della campagna vaccinale in Lombardia e ha vestito quelli...

Domani, al di là di quanto verrà reso noto e pubblico, inizierà ufficialmente la storia del Milan in mano ad Elliott. L’Assemblea dei Soci, convocata alle 9.00 nella sede rossonera di via Aldo Rossi 8, segnerà la fine di Li Yonghong e dei cinesi – revocandone gli amministratori dal CdA – e soprattutto eleggerà il nuovo presidente. Un altro cambio di proprietà: un passaggio storico, obbligato e atteso. Probabilmente un gran bel passo in avanti. Forse il Diavolo non vede ancora la luce, però il tunnel sembra alle spalle.

IL NUOVO PRESIDENTE • Sarà Paolo Scaroni, salvo colpi di scena, a “indossare” il numero uno e guidare la società. Un uomo legato e vicino a Silvio Berlusconi (nel 2002, quando era al governo, lo nominò ad di Enel). Scaroni è vicepresidente della banca Rothschild, che ha avuto un ruolo di rilievo nel vecchio closing. Un film già scritto? Scaroni fa parte del Consiglio di Amministrazione del Milan da aprile 2017: una figura forte, di grande peso ed esperienza. Nel CdA verrà affiancato da diverse new-entry del fondo americano di Paul Singer e il nome più gettonato come nuovo ad sembra quello del sudafricano Ivan Gazidis (53 anni), attuale CEO dell’Arsenal. Di conseguenza, restano sempre più a rischio le posizioni di Fassone e Mirabelli. Se ne saprà di più in queste ore. Elliott giura di non avere intenzioni speculative, anzi promette forti investimenti nel lungo periodo. Ha pieni poteri, tanto da aver bloccato, di fatto, il mercato: no alla partenza di Locatelli, non si vende un giovane e un patrimonio, mentre la cessione di Kalinic dovrebbe avverarsi solo dopo l’Assemblea. E Higuain? Opzione valida, interesse vero, ma al momento nessuna trattativa. Quasi scelto, poi, anche il direttore tecnico: Leonardo, il ritorno. Con buona pace dei tifosi.

LA SQUADRA • A tutto questo assiste interessato Rino Gattuso, volto della campagna abbonamenti, che aspetta chiarezza e tranquillità. La squadra, nel weekend (domenica sera), volerà in America per giocare l’International Champions Cup, concentrandosi sempre di più su campo e pallone. Le partite: Milan-Manchester United mercoledì 25, alle 20.00 locali, allo stadio StubHub Center di Los Angeles; Tottenham-Milan martedì 31, alle 19.30 locali, all’U.S. Bank Stadium di Minneapolis; Milan-Barcellona sabato 4 agosto, alle 17.00 locali, al Levi’s Stadium di Santa Clara.

In breve

Anche Guido Bertolaso vaccinatore a domicilio

«Questa mattina Guido Bertolaso ha smesso i panni di coordinatore della campagna vaccinale in Lombardia e ha vestito quelli...