3.4 C
Milano
10. 12. 2022 09:40

Il grido di Milanosport: «Gas e luce ci mettono in ginocchio»

L’assessore Martina Riva: «Le bollette non devono essere uno strumento di ricatto»

Più letti

La crisi energetica sta mettendo a dura prova anche Milanosport, che ha annunciato aumenti di luce e gas per quasi un milione di euro nel primo semestre dell’anno. A lanciare l’allarme è stata  Martina Riva, Assessora allo Sport, Turismo e Politiche Giovanili del Comune di Milano. La quale, con un post apparso sul suo profilo Instagram personale, ha detto: «Mentre Cingolani ci comunica che quest’anno i termosifoni resteranno accesi un’ora in meno, riceviamo il conto dei costi di energia elettrica e gas per gli impianti sportivi gestiti da Milanosport. Parliamo solo del primo semestre: ragionevolmente il secondo andrà peggio. Noi abbiamo tagliato i consumi per quanto possibile (-10% sull’energia e -13% sul gas, rispetto al 2019), ma il dato finale sui costi è inesorabile. In pratica, se nel primo semestre del 2019 Milanosport aveva speso circa 635.000 euro di energia elettrica e circa 570.000 euro di gas, oggi la spesa sale a 1.118.000 euro di energia elettrica e ben 1.680.000 euro di gas. Solo di gas parliamo di più di un milione di euro in più».

Il grido di allarme di Milanosport sui costi di luce e gas

Prosegue Martina Riva: «Non sto dicendo nulla di nuovo: le bollette le riceviamo tutti. Ciò che capisco di meno è come faccia gran parte della politica nazionale a non rendersi conto che siamo in una reale emergenza e non capisca la proposta di sospendere i toni da campagna elettorale per qualche ora al fine di trovare una soluzione. Senza giri di parole: per l’immediato, non si può che confidare nell’autorevolezza di Draghi e nella capacità di compattarsi dell’Unione Europea per provare a fissare un tetto massimo al prezzo del gas; per il breve periodo (ma proprio domani, perché dopodomani è già tardi) sì ai rigassificatori di Piombino e di Ravenna senza se e senza ma e sì all’aumento di produzione di gas nazionale con il potenziamento degli impianti già esistenti: dobbiamo renderci al più presto integralmente indipendenti dalla Russia».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Martina Riva (@rivamartina_)

L’assessore tra campagna elettorale e richiesta di aiuto

Chiaramente quello dell’assessore Martina Riva è un ragionamento che si inserisce nel più ampio contesto di una campagna elettorale che vedrà gli italiani recarsi alle urne il prossimo 25 settembre per scegliere il nuovo Governo, quello che succederà all’attuale gestito da Mario Draghi: «Per il medio periodo, poi, puntiamo sulle rinnovabili, ma facciamolo seriamente: semplificazioni autorizzative per gli impianti FER, definitiva individuazione delle aree idonee all’installazione di impianti FER (che poi devono essere tutte le aree che non sono non idonee), scorporo del prezzo dell’energia prodotta da fonti rinnovabili dal prezzo dell’energia prodotta da fonti fossili. Approfittiamo della crisi – conclude Martina Riva – per risolvere la questione della politica energetica in maniera strutturale: le nostre bollette non dovranno mai più diventare uno strumento di ricatto».

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...