Le due sconfitte consecutive, con Barcellona e Zalgiris, hanno lasciato qualche scoria in casa Olimpia. I tifosi che hanno iniziato a rumoreggiare sui social network. Un classico atteggiamento, di cui non stupirsi, perché i sostenitori biancorossi sono sempre stati dal palato fino. Abituati alle debacle degli ultimi anni, hanno poca pazienza.

MOMENTO GIUSTO • Il match di domani contro l’Herbalife Gran Canaria (3-7) arriva nel momento giusto, per rialzare la testa e ritrovare fiducia in se stessi, squadra e tifosi. Avversario alla portata ma da non sottovalutare la squadra di Maldonado. Lontana dal proprio campo ha sempre fatto fatica, eccezion fatta per l’ultima gara, giocata e vinta sul parquet del Darussafaka.

La squadra delle Canarie non ha un roster di altissimo livello – non certamente quello dell’Olimpia -, ma alcune punte cui prestare molta attenzione. La guardia americana Hannah (assente nell’ultima uscita), l’ala Eriksson che in Turchia ha sfoggiato la miglior prestazione dell’anno. Il centro dominicano Baez, quello francese Tillie, l’ala statunitense Strawberry. Infine l’ala Rabaseda, spagnolo e di formazione catalana, vero collante della squadra dal 2015 a oggi. Un gruppo unito che si fa forza del pubblico amico. E che, in questa occasione, si presume sia in forma ridotta. Un vantaggio da sfruttare per Milano.

SENZA NEDOVIC • È una di quelle partite “da vincere” per l’Olimpia, che dopo due passi falsi più o meno accettabili, necessita di riprendere il cammino intrapreso in campo internazionale fino alle due settimane precedenti. Dove – comunque va detto – le cose non stanno andando affatto male. Dovrà farlo ancora senza uno dei suoi giocatori di riferimento, quel Nemanja Nedovic ripiombato nel problema muscolare che lo aveva già tenuto fuori un mese e che lo vedrà lontano dai parquet europei e nazionali almeno fino al periodo natalizio.

Servirà uno sforzo extra da parte di James e Micov, gli altri due “tenori” della squadra che nelle ultime uscite hanno mostrato qualche segno di stanchezza per il susseguirsi dei continui impegni. Possibile rivedere tra i convocati anche Della Valle, in recupero dopo il problema alla mano.