4 C
Milano
27. 01. 2023 21:59

Rugby in carrozzina: la Polisportiva mette ko il Rugby Milano

La partita giocata l'altra sera è un'ulteriore dimostrazione dell'amicizia e della reciproca stima instauratesi nel tempo tra gli atleti delle due squadre

Più letti

Continua la collaborazione sportiva tra Rugby Milano e la Polisportiva Milanese – Wheelchair Rugby iniziata anni fa e che vede gli atleti delle due squadre affrontarsi anche in match avvincenti, match che regolarmente vengono vinti dalla Wheelchair, come l’altra sera. Finale: 26 punti a 3.

Rugby e squadre miste

Il perché di un tale punteggio dovete chiederlo ai ragazzi di coach Moreno che pur essendo giocatori di Serie A una volta trovatisi seduti sulle sedie a rotelle hanno provato sulla loro pelle cosa vuol dire giocare il rugby in carrozzina. Nel passato infatti per compensare il gap atletico si mischiarono gli atleti dei due Club dando origine così a squadre miste per rendere l’incontro un po’ meno “scontato”.

Sport Movies & TV 2022_ Sport Rocks The World, rugby

Rugby maestro di vita

La partita giocata l’altra sera, come ben raccontano i sorrisi dei ragazzi della foto, è un’ulteriore dimostrazione dell’amicizia e della reciproca stima instauratesi nel tempo tra gli atleti delle due squadre. Ad ulteriore esempio di come il rugby, ma in senso più lato lo sport, sia un vero maestro di vita. E di come gli sport praticati da atleti “disabili” siano sport praticati da atleti a tutti gli effetti senza che occorra mettere particolari etichette o distinzioni. Chi lo pratica lo sa, ma repetita iuvant.

Una differenza però c’è: sono sport economicamente più importanti perché bisognosi di attrezzature particolari e quindi non alla portata di tutti. Allora plaudiamo e enfatizziamo iniziative come queste che servono ad accendere i riflettori su un tema spinoso che le Istituzioni dovrebbero affrontare oggi e non domani o in occasione delle Paralimpiadi.

Buraglio: «A.S. Rugby esalta i valori autentici»

E allora leggiamo insieme e proviamo a fare nostro il senso delle parole del biancorosso Stefano Buraglio perché ciascuno di noi nel suo piccolo può fare la differenza: «Che bello, l’A.S. Rugby Milano è una vera esaltazione di valori, autentici e veri, non raccontati o peggio esibiti. Sapere di farne parte anche se in modo immeritato, mi fa sentire tremendamente bene, migliore, mi fa allontanare dalle miserie che purtroppo la vita ti riserva. Vivo l’impotenza di non riuscire a fare nulla per ricambiare quello che ricevo da voi, ma nello stesso tempo l’orgoglio dell’appartenenza. Grazie».

In breve

FantaMunicipio #17: così le rotonde diventano piazze

Cantieri sempre aperti a Milano dove molte rotonde cambieranno pelle. La notizia della settimana è l'avvio dei cantieri per...