12.5 C
Milano
17. 05. 2021 06:45

San Siro, botta e risposta tra Sala e l’Inter: «Non credo che in Cina si sarebbero rivolti così alle istituzioni»

Ancora "frecciatine" tra il sindaco e l'Inter sulla questione San Siro

Più letti

Continua la querelle tra il sindaco Sala e la proprietà nerazzurra. Il primo ad iniziare le danze era stato proprio il primo cittadino che aveva affermato quanto le incertezze sul cambio di proprietà nerazzurro influissero sul prosieguo del progetto dello stadio.

La risposta piccata dell’Inter non era tardata ad arrivare: «Fc Internazionale Milano ha una storia gloriosa ultracentenaria. Esisteva prima del sindaco Sala e continuerà ad esistere anche al termine del suo mandato. Troviamo le dichiarazioni del sindaco di Milano offensive nei confronti della proprietà, irrispettose verso la storia e la realtà del club e i suoi milioni di tifosi a Milano e in tutto il mondo nonché irrilevanti rispetto all’attuale iter amministrativo del progetto del nuovo stadio. Se dovesse essere confermato che l’Inter e la proprietà non sono gradite all’attuale amministrazione, sapremo prendere le decisioni conseguenti».

arte brutalista - san siro

Botta e risposta. Quest’oggi il sindaco Sala è tornato sull’argomento con un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. «La reazione mi ha sorpreso – ha dichiarato il primo cittadino -: sono dispiaciuto in quanto sindaco e tifoso nerazzurro, che è andato per la prima volta allo stadio 55 anni fa. Mi chiedo se sono malconsigliati e mi verrebbe una domanda da fare al presidente Zhang: in Cina si permeterebbero di rivolgersi alle istituzioni come hanno fatto con me? Io qualche dubbio ce l’ho… Ma voglio fare il bene di Milano, non faccio l’offeso e continuo a dire che lo Stadio è una buona opportunità anche per la città: è nostra volontà favorire la costruzione del nuovo stadio e di quello che ci sarà attorno ma quando si va a concludere una trattativa si deve sapere con chi si sta chiudendo».

In breve

Fontana conferma le parole di Bertolaso: «Tutti vaccinati entro luglio»

Dopo il consulente Guido Bertolaso anche il governatore Attilio Fontana ha confermato che entro luglio tutti i lombardi riceveranno...