18.2 C
Milano
16. 10. 2021 14:51

Scienze Motorie, Antonio La Torre: «Rendete attiva questa pausa»

«Si tratta di staccare dallo studio o dal lavoro ogni due ore per far diventare "attiva" la propria pausa»

Più letti

Antonio La Torre, docente in Statale e direttore tecnico della Fidal, lancia una challenge di video tutorial agli studenti di Scienze Motorie.

 

 

Una sfida lanciata agli studenti di Scienze Motorie dell’Università Statale di Milano a cimentarsi in brevi video tutorial con cui proporre esercizi fisici alla portata di tutti, da svolgere in casa tra una lezione online e l’altra o in un momento di pausa da smart working.

Scienze Motorie, la sfida di Antonio La Torre

Antonio La Torre - scienze motorie
Antonio La Torre – scienze motorie

È quella proposta da Antonio La Torre, docente di Metodi e Didattiche della attività sportive e delegato allo sport della Statale, presidente del Comitato sportivo d’Ateneo e direttore tecnico della Fidal: «Appena l’Università ha sospeso le sue attività didattiche in presenza a causa del coronavirus, ho lanciato una sfida ai nostri studenti di Scienze Motorie particolarmente attivi nell’ambito del CUS Statale».

Percorso. Il risultato è la realizzazione di 10 video della durata massima di 2 minuti e mezzo con cui è stato costruito un percorso di allenamento adatto a tutti. I video sono online sul canale YouTube e sugli account Facebook e Instagram del Cus Statale ed altri saranno pubblicati nelle prossime settimane ogni 3-4 giorni. «Si tratta di staccare dallo studio o dal lavoro ogni due ore per far diventare “attiva” la propria pausa – spiega il professore –. Il movimento aiuta anche ad affrontare lo stress come quello che stiamo vivendo dall’esplosione dell’emergenza: lo stress a cui è sottoposto il fisico durante l’attività serve a migliorare lo stress psichico, perché serve a riequilibrare e compensare gli ormoni che il nostro corpo produce con la paura».

Don’t panic. «L’esercizio fisico – conclude – ci obbliga poi a respirare profondamente e questo aiuta a contrastare lo stato d’ansia, che provoca la sensazione di mancanza d’aria. Infine cuore: quando mi sento minacciato la frequenza cardiaca sale e l’esercizio fisico è un ottimo regolatore. La nostra vita è cambiata: possiamo farci aggredire dal panico o trovare modi per non subirlo».

In breve

«Destinazione Milano», arriva in città la prima selfie room d’Italia

Sono in molti ad aspettare le tanto attese vacanze anche per riempire la propria bacheca Instagram con immagini per...