26.4 C
Milano
24. 05. 2022 17:09

L’Urania Milano si gode la salvezza, coach Villa: «Ora alziamo il tiro»

Il coach si gode il traguardo e guarda avanti: «Vogliamo diventare una squadra stabilmente da playoff»

Più letti

La vittoria contro la Stella Azzurra ha sancito la salvezza per l’Urania Milano, che giocherà per il quarto anno consecutivo in serie A2. Tra gli artefici del traguardo, giudicato «minimo» dallo stesso Davide Villa, c’è proprio il coach che ha portato i Wildcats fino alla seconda serie, confermandoli di anno in anno.

Urania Milano salva, l’obiettivo è centrato: parla coach Davide Villa

Che stagione è stata rispetto alle precedenti?
«Abbiamo raggiunto l’obiettivo minimo, facendo peggio dell’anno scorso non raggiungendo i playoff, ottenendo comunque un risultato importante. Siamo partiti con tante novità, ma costretti rispetto al passato a cambiare in corsa. Le potenzialità del roster con cui abbiamo finito potevano far pensare a qualcosa di più, ma quando si fanno tanti aggiustamenti si può incappare in discontinuità emotiva e a volte non basta la tecnica».

Urania però continua a crescere, in campo e fuori.
«Aver conquistato sul campo l’A2 per il quarto anno consecutivo non è da sottovalutare, per una struttura che ha la grande caratteristica di fare con ciò che ha. Non credo siano tante le società promosse dalla B a poter vantare questa costanza. Proviamo sempre a fare passi avanti, in campo e fuori: la società si muove bene col marketing e questo aiuta. Il Covid ha frenato l’afflusso di pubblico, arrivato a uno zoccolo duro di tremila persone prima del lockdown. Nelle ultime settimane, però, abbiamo visto una crescita».

La partita dell’anno?
«Il derby di ritorno con Cantù. Il più grande spot che Urania potesse esprimere in quel momento: contro una grande squadra, società storica, con un pubblico splendido di 3.300 persone, in diretta tv».

Cosa c’è nel futuro?
«Ogni anno si riparte, consapevoli che la società non possa fare da padrona sul mercato. Difficile sapere ora che budget avremo a disposizione, ma l’obiettivo è fare meglio di quest’anno. Io ho un altro anno di contratto, mi sento parte di questo progetto, non appagato né annoiato. Spero di giocarmi ancora qualcosa di importante con Urania. Il sogno mio e della società è di lottare ogni anno per i playoff, fino a giocarsi la promozione».

Foto: Di Ninno

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...