-3 C
Milano
19. 01. 2021 07:09

Dalla Bicocca un algoritmo per stabilire chi dovrà fare per primo il vaccino anti-Covid

Il sistema ideato dalla Bicocca per stabilire l'ordine di priorità nelle vaccinazioni: i dettagli

Più letti

A Milano iniziano a fioccare le multe dopo la fronda dei ristoratori di #ioapro

I titolari e i clienti che hanno infranto le regole lo scorso venerdì aderendo alla campagna #ioapro non la...

Fontana: «Tra stasera e domani il ricorso. Sono convinto che la Lombardia sia arancione»

Il governatore Fontana torna ad attaccare il governo sulla questione zona rossa. «I nostri avvocati hanno predisposto il ricorso...

Prese in ostaggio una guardia giurata nel Duomo: l’esito della perizia psichiatrica

Mahmoud Elhosary, il 26enne che quest'estate, il 12 agosto scorso, fece irruzione al Duomo prendendo in ostaggio una guardia...

Chi farà per primo il vaccino anti-Covid? A stabilirlo potrebbe essere un algoritmo capace di indicare nomi e cognomi dei più vulnerabili. A spiegare il sistema è Giovanni Corrao, statistico medico della Bicocca a capo del centro interuniversitario Healthcare research and pharmacoepidemiology.

Il piano d’azione. «Nelle settimane che verranno andrà creato una sorta di calendario per distribuire le dosi – spiega il professore – ma una volta somministrato alle categorie indicate come prioritarie, tra cui medici e infermieri, con che criterio vaccineremo il resto della popolazione?».

Ed è proprio qui che entra in gioco il progetto StrESS: il gruppo di studiosi guidato proprio da Corrao, il quale ha messo a punto un algoritmo che utilizza le impronte lasciate da ciascuno di noi nel Servizio Sanitario per individuare chi dovrebbe essere vaccinato con urgenza. In sostanza il tutto funzionerà sulla base di dati sanitari pregressi: prescrizioni mediche, ricoveri, visite ambulatoriali, esenzioni da malattie, accessi al Pronto soccorso.

algoritmo vaccino covid bicocca milano

«Abbiamo fatto una prima sperimentazione in Campania – racconta Corrao -, in quel caso abbiamo lavorato sul rischio di infezione ma il principio è identico: il modello funzionava molto bene, ora si tratta di estenderlo ed è fondamentale avere il parere favorevole delle altre Regioni. Questo algoritmo consentirebbe a ogni singola amministrazione regionale, se non al ministero, di avere un elenco preciso di persone più a rischio».

 

 

 

In breve

Scuola, non solo i licei: zaini e striscioni contro la DAD anche alle medie

Zona rossa significa che gli studenti di seconda e terza media da oggi tornano a fare didattica a distanza....

Potrebbe interessarti