13.3 C
Milano
29. 09. 2020 09:15

La Gen Z tra social e attivismo sociale: il 90% sostiene il movimento Black Lives Matter e il 74% i diritti LGBTQ+

Più letti

Barkyn, in viaggio con il proprio cane al tempo del Covid

Il mondo si organizza per ripartire e convivere con il Covid. Spesso occorre prepararsi al meglio quando si deve...

Martina De Santis racconta “gli atomici fotonici”, il nuovo corto con Giovanni Storti

Si chiama “Gli atomici fotonici” il nuovo corto realizzato da MINIFILMLAB, un progetto dedicato ai giovani filmaker con la...

Milano “violenta”: ancora uno stupro ai danni di una giovane ragazza

L'ennesimo caso di violenza sessuale su una giovane donna a Milano. Domenica mattina, ai margini del Parco Nord, una...

Capire i giovani d’oggi può essere complicato e spesso si tende a pensare alle nuove generazioni come molto distanti dal proprio mondo. Dallo slang, all’uso dei Meme e delle Gif, i Centennial hanno un linguaggio tutto loro. Da questo nasce la guida “Sboomerizzati: la Generazione Z tra nuovi social media, itanglese, attivismo e musica”, creata da Babbel – la app leader per l’apprendimento delle lingue – per capire e conoscere meglio i ragazzi nati dopo il 1995.

Il primo elemento che differenzia gli Zoomer è l’uso della tecnologia: i ragazzi di oggi sono inseparabili dal proprio smartphone (il 93% ne ha uno) e passano circa 10 ore al giorno online. Ma quello che va precisato è che i più giovani non sono impegnati solo a vedere stories su Instagram o a fare challenge su TikTok, ma sono anche molto attivi per quello che riguarda i più attuali temi sociali.

Multiculturalità, inclusione, sostenibilità ambientale e parità dei diritti sono gli argomenti che la Gen Z sente più vicini. Basti pensare che il 90% dei giovanissimi sostiene il movimento Black Lives Matter e in particolare lo fa attraverso i social (il 73% utilizza instagram e il 26% TikTok). Anche i diritti della comunità LGBTQ+ e le lotte femministe sono tematiche molto sentite, rispettivamente dal 74% e dal 63% degli Zoomer, elemento che testimonia la grande attenzione per l’uguaglianza e i diritti individuali.

Il linguaggio della Gen Z è ricco di modi di dire nati negli ultimi anni: queste espressioni spesso nascono sul web e vengono importate da altre parti del mondo, soprattutto da contenuti in lingua inglese, e mutuate dal linguaggio musicale o da quello dei videogame. Si va da Bae a Blast, passando per Bufu, Cringe e altri ancora che formano una sorta di glossario della Generazione Z.

Gli Zoomer utilizzano molto anche gli elementi visuali per comunicare e per farlo in velocità e in modo ironico. Spesso le immagini vengono preferite ai testi, per una comunicazione più d’impatto ricca di Gif e di Meme divertenti e spensierati.

Dall’attivismo sociale al modo di esprimersi, dai social network alla musica, il mondo della Gen Z è ricco di sfaccettature e particolarità che vengono approfondite nella guida interattiva di Babbel, con l’obiettivo di rendere più comprensibile l’universo Centennials a chi, almeno a livello anagrafico, ne è più distante.

 

 

In breve

Martina De Santis racconta “gli atomici fotonici”, il nuovo corto con Giovanni Storti

Si chiama “Gli atomici fotonici” il nuovo corto realizzato da MINIFILMLAB, un progetto dedicato ai giovani filmaker con la...

Martina De Santis racconta “gli atomici fotonici”, il nuovo corto con Giovanni Storti

Si chiama “Gli atomici fotonici” il nuovo corto realizzato da MINIFILMLAB, un progetto dedicato ai giovani filmaker con la supervisione di OffiCine. È la...

Milano “violenta”: ancora uno stupro ai danni di una giovane ragazza

L'ennesimo caso di violenza sessuale su una giovane donna a Milano. Domenica mattina, ai margini del Parco Nord, una ventenne è stata soccorsa in...

Coronavirus, Fontana: «Erano anno che dicevo di assumere più medici»

Il governatore Attilio Fontana, durante un convegno della Fondazione Onda (Osservatorio Nazionale Salute Donna), è tornato a parlare della crisi sanitaria che ha colpito...

Bollettino regionale, pochi tamponi, ma l’incidenza del virus cresce: Milano, +36

I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore in Lombardia sono 7.933: i positivi riscontrati sono 119, di cui 11 “deboli”, con un’incidenza dell’1,5% rispetto ai test eseguiti....

Potrebbe interessarti