2.9 C
Milano
27. 11. 2020 04:22

Con i centri estetici chiusi il nuovo beauty diventa fai da te

Da necessità temporanea l’arte di arrangiarsi è diventata una vera e propria abitudine

Più letti

Fontana: «Il Governo ci lascia in zona rossa fino al 3 dicembre»

«Nonostante la mia opposizione, il Governo intende mantenere in vigore fino al 3 dicembre le attuali misure restrittive e,...

Dal 2023 la prima linea ferroviaria a idrogeno

In Lombardia nasce la prima "Hydrogen Valley" italiana con una linea ferroviaria che avrà una flotta di treni a...

Autolaghi, rinasce lo storico Autogrill Villoresi

Abbattuto la scorsa estate, l'Autogrill Villoresi Ovest di Lainate (sull'autostrada dei Laghi), è tornato a nuova vita. Icona del...

Estetisti chiusi nelle zone rosse, parrucchieri aperti. E un nuovo lockdown nazionale che tanti esperti invocano e che potrebbe portare a una serrata generale. Il Covid sta cambiando le abitudini anche in fatto di beauty, come dimostra il “Beauty report post Covid-19” del portale europeo Treatwell. Anche dopo le riaperture disposte a maggio tantissimi italiani hanno proseguito con il fai da te appreso nei mesi precedenti.

Sondaggio. Insomma, da necessità temporanea l’arte di arrangiarsi è diventata un’abitudine. Gli utenti hanno acquistato una certa dimestichezza con smalti e pinzette tanto che, intervistati durante la quarantena, gli europei (88%) avevano confessato l’intenzione di proseguire con alcuni trattamenti fai da te anche alla riapertura dei centri estetici.

La tendenza riguarda soprattutto la cura delle unghie – con la manicure (46%) seguita dalla pedicure (37%) –, ma anche la depilazione di corpo (37%) e delle sopracciglia (35%). In particolare, rispetto agli altri utenti del vecchio continente, gli italiani puntano a effettuare in casa soprattutto questi ultimi due trattamenti, mentre i francesi si dilettano principalmente sui facial fai da te (54%). Nessuna menzione tra le prime posizioni, invece, relativa ai trattamenti capelli, così cercati durante la quarantena.

beauty

Risparmio e sicurezza. La decisione di proseguire con il fai da te è motivata in prima battuta dalla necessità di risparmiare (33%) a fronte di una situazione economica incerta proprio a causa dell’emergenza sanitaria, oltre che da una questione di sicurezza (22%).

Non a caso la depilazione, il ritocco delle sopracciglia e i trattamenti facciali prevedono un distanziamento fisico ridotto tra l’operatore e il cliente. Stesso discorso per il massaggio: seppur tanto bramato in un periodo di così grande stress, la ripartenza per questo trattamento, interamente basato sul contatto, è stata tutt’altro che semplice.

Anche se le prenotazioni per questo trattamento non sono mancate, soprattutto in Germania e nei Paesi Bassi la diffidenza si è fatta sentire e ha fatto registrare un calo degli ordini di massaggi rispetto al periodo precedente la pandemia.

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

Dal 2023 la prima linea ferroviaria a idrogeno

In Lombardia nasce la prima "Hydrogen Valley" italiana con una linea ferroviaria che avrà una flotta di treni a...

Dal 2023 la prima linea ferroviaria a idrogeno

In Lombardia nasce la prima "Hydrogen Valley" italiana con una linea ferroviaria che avrà una flotta di treni a idrogeno, quella che collega Brescia-Iseo-Edolo...

Autolaghi, rinasce lo storico Autogrill Villoresi

Abbattuto la scorsa estate, l'Autogrill Villoresi Ovest di Lainate (sull'autostrada dei Laghi), è tornato a nuova vita. Icona del boom economico italiano, costruito nel...

Bollettino regionale, rapporto tamponi/positivi al 12,8%: Milano, +1.020

I positivi riscontrati in Lombardia nelle ultime 24 ore sono 5.697, con la percentuale tra tamponi eseguiti (44.231) e positivi che si attesta al...

Piano freddo, fino a 2.700 posti per i senza dimora

Con l'arrivo della stagione invernale scatta il Piano freddo del Comune di Milano per le persone senza fissa dimora, che quest'anno metterà a disposizione...

Potrebbe interessarti