tintarella
tintarella

Dopo i primi giorni al mare o in piscina, la pelle finalmente diventa scura per la tintarella. E così la tentazione di rinunciare alla crema protettiva diventa molto forte. Ma si tratta di un errore: anche se l’epidermide non è più chiara i rischi dei raggi solari non svaniscono. Inoltre, se si vuole fare in modo che la tintarella duri il più possibile, anche una volta rientrati in città, occorre evitare fastidiose scottature.

A ribadirlo sono gli esperti del sito anti-fake news “Dottoremaeveroche” della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo), che ha dedicato un approfondimento proprio a questo tema.

«L’abbronzatura serve solo come schermo aggiuntivo alla naturale tendenza dell’essere umano a ripararsi all’ombra: in media, infatti, permette di respingere soltanto la metà circa dei raggi che colpiscono la cute, anche se questa quota può variare in relazione a caratteristiche genetiche – spiega il portale -. il rischio di scottarsi, e la rapidità con cui ciò può accadere, dipendono dalle caratteristiche individuali e dal grado di abbronzatura preesistente. Il punto è che le scottature non sono l’unico danno che il sole può fare alla pelle».

Ma perché la tintarella non scherma davvero? «L’abbronzatura rappresenta il modo naturale con cui la pelle si difende dal sole, creando con la melanina un filtro che protegge i suoi strati più profondi. Rappresenta quindi una barriera naturale o indotta dall’esposizione», prosegue.

I dermatologi hanno identificato sei categorie, i cosiddetti fototipi, che dipendono dalla somma di diversi fattori legati al colore di occhi, capelli e incarnato. Da questi elementi si ricava la probabilità di abbronzarsi e, al contrario, la facilità di scottarsi. In linea di massima si possono quindi distinguere sei fototipi.

Il numero 1: tende ad avere occhi chiari, capelli rossi o biondo chiaro, pelle lattea, spesso efelidi: si scotta con grande facilità e viceversa è difficile che si abbronzi. Fototipo 2: tende ad avere occhi chiari, capelli per lo più biondi o castano chiari, pelle molto chiara: si scotta facilmente e si abbronza poco. Fototipo 3: tende ad avere occhi castani e capelli castani, con pelle chiara: si può scottare, ma poi si abbronza. Fototipo 4: ha occhi scuri, capelli scuri e pelle olivastra: si scotta di rado e si abbronza facilmente. Fototipo 5: ha occhi e capelli scuri o neri e pelle scura anche senza esporsi al sole: di regola non si scotta. Fototipo 6: ha occhi, capelli e pelle nera anche senza esporsi al sole: di regola non si scotta.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/