1.1 C
Milano
02. 12. 2020 11:21

Abbattuto il cedro, “amico” dei milanesi: «Faceva ombra al palazzo»

Il cedro di Santa Maria alla Fontana non c'è più: era un simbolo per il quartiere

Più letti

«Non smetterò mai di rendere merito ai talenti»

Questa è la storia di Gigliola Foschi, innamorata dell’arte - qualunque forma essa abbia -: si occupa di cultura...

4 domande a Silvia Nair: «La mia musica per tutti»

Con l'album Luci e ombre, la pianista e cantautrice Silvia Nair conferma la sua fluida capacità musicale in grado...

Doorways, una valigetta magica per evadere dalla solitudine

Una valigetta per evadere da una realtà fatta di pigiami e camici bianchi. Si tratta di Doorways, il progetto...

«Durante il lockdown guardare dalla finestra e vedere il cedro più alto degli edifici era l’unica cosa che mi metteva allegria», racconta il signor Giovanni Bertolino, 90 anni, residente in piazza Santa Maria alla Fontana nel Municipio 9. Il riferimento è al vecchio cedro della zona, lì presente da oltre 70 anni ed abbattuto ieri perché «faceva ombra ai palazzi».

Memoria. I milanesi si sa, si affezionano a certi scorci. Così ieri prima dell’abbattimento un capannello di persone si è radunato nella via come per dare un ultimo saluto all’albero che in maniera silenziosa ed educata era ormai diventato parte della loro quotidianità.

L’abbattimento è avvenuto senza alcuna perizia del Comune. Purtroppo il cedro era all’interno del giardino privato del palazzo nonostante date le dimensioni si riflettesse su una macroarea pubblica. L’amministratore della Fumagalli, l’azienda incaricata dell’abbattimento taglia corto: «L’abbattimento risultava necessario ed è stata presentata regolare pratica al Comune».

Ciò nonostante resta il rammarico fra gli abitanti della zona e dello stesso presidente del Municipio 9, Giuseppe Lardieri: «Spero che lì piantino ora un paio di alberelli – dice il presidente del Municipio Giuseppe Lardieri —. Il regolamento non prevede un sopralluogo di verifica del tecnico comunale come invece accade per gli alberi su terreno pubblico».

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

«Veronica, il primo amore di tutta via Canonica», una targa per ricordare Enzo Jannacci

Milano ricorda uno dei suo figli più illustri, Enzo Jannacci.  Verrà inaugurata una targa in via Canonica dedicata al...

4 domande a Silvia Nair: «La mia musica per tutti»

Con l'album Luci e ombre, la pianista e cantautrice Silvia Nair conferma la sua fluida capacità musicale in grado di spaziare dal sinfonico al...

Doorways, una valigetta magica per evadere dalla solitudine

Una valigetta per evadere da una realtà fatta di pigiami e camici bianchi. Si tratta di Doorways, il progetto realizzato da alcuni ragazzi dello...

Milano si sveglia con i tetti imbiancati dalla neve

Lo avevano annunciato e così è stato. Milano questa mattina si è svegliata sotto una leggere spolverata di neve che ha imbiancato i tetti...

Il lockdown visto da un’auto dei Carabinieri: «Quando Milano è stata mia»

Un libro fotografico di cento pagine sull’aprile 2020 di Milano, realizzato in pieno lockdown con le immagini scattate al seguito dei Carabinieri, in un...

Potrebbe interessarti