4.2 C
Milano
22. 01. 2021 20:00

Addio alla signora del Fai Giulia Maria Crespi

Si è spenta all'età di 97 la fondatrice del Fai Giulia Maria Crespi

Più letti

Bollettino regionale, torna a scendere il tasso di positività: Milano, +203 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.969, di cui 112 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Salvini: «Zona rossa in Lombardia? Siamo davanti ad un sequestro di massa»

Un nuovo capitolo nella saga sulla zona rossa tra Regione e Governo. Spunta l'ipotesi di un errore di invio...

Zona rossa, colpo di scena: la Regione avrebbe inviato i dati Rt errati. Fontana: «Mai dato informazioni sbagliate»

Un nuovo colpo di scena sulla questione zona rossa in Lombardia. Secondo alcuni indiscrezioni riportate dall'Ansa, i tecnici della...

Si è spenta quest’oggi a Milano Giulia Maria Crespi all’età di 97 anni. Proveniente dalla famosa famiglia lombarda di cotonieri, fondò nel 1975 il FAI e fu anche proprietaria del Corriere della Sera. A dare il triste annuncio è stato propria Andrea Carandini, l’attuale presidente del Fai.

La signora del FAI 

L’insegnamento di Giulia Maria Crespi può essere riassunto nella sua massima:«Chi ha avuto molto, deve dare molto».

Proveniente da una delle famiglie industriali più ricche di Italia, la sua vita fu caratterizzata da scelte anticonvenzionale per l’ambiente da cui proveniva. Nel 1947 sposò il conte Marco Paravicini, comandante partigiano durante la guerra. Un matrimonio che durò poco a causa dell’improvvisa morte in un incidente del marito. Nel 1965 si risposò poi con l’architetto Guglielmo Mozzoni.

Nel 1962, dopo diverse insistenze riuscì con l’amato padre Aldo ad entrare nella gerenza del Corriere della Sera, di cui ne mantenne la proprietà fino al 1974. A lei si deve l’opera di rinnovamento del quotidiano, dapprima con la direzione Spadolini e poi con quella Ottone. In quel periodo vennero chiamati a collaborare scrittori di grande calibro come Goffredo Parise e Pier Paolo Pasolini.

Il 1975 è invece l’inizio dell’avventura del Fai, il fondo per la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e paesaggistico italiano: 45 anni spesi a curare e promuovere le bellezze del nostro paese.

Il ricordo

«Pur essendo di carattere forte e imperativo Giulia Maria Crespi ha sempre fortissimamente creduto nel lavoro di squadra come unica possibilità per ottenere risultati seri e duraturi – ricordano così la fondatrice dal Fai -. Una creatività inesauribile, una riluttanza per i compromessi, una passione per il dialogo, una singolare unità di ideali e concretezza, una noncuranza per le difficoltà – tanto più stimolanti quanto ardue – e una mai incrinata perseveranza ne hanno fatto una figura impegnativa per chiunque avesse a che fare con lei, ma al tempo stesso un esempio inimitabile e senza sfumature di ideali civici e di passione per la vita, per la cultura e per l’ambiente».

 

In breve

Covid, lo sfogo di Balotelli: «Questa è una gestione onesta? L’Italia sta degradando per colpa di pochi»

Il "bad boy" del calcio italiano Mario Balotelli non è solito esprimere giudizi sulla società e sulla politica, ma...

Potrebbe interessarti