6 C
Milano
15. 01. 2021 14:55

Il Forum del libro scrive alla ministra Azzolina: «Non snaturate le biblioteche scolastiche»

In vista della riapertura a settembre, i rappresentanti del Forum del libro scrivono alla ministra Azzolina affinché le biblioteche scolastiche non vengano sacrificate sull'altare delle misure anti-Covid

Più letti

Chi apre? I ristoranti riaccendono le insegne: oggi la “rivolta” di “IO APRO 1501”

Com’è ormai consuetudine nell’era digitale, tutto è nato sui social. In pochi giorni un tam tam che si è...

Fontana: «Zona rossa penalizzante. Speranza riveda i parametri»

Il presidente Fontana intercettato mentre usciva da un incontro al Teatro alla Scala ha parlato delle sue perplessità sull'ingresso...

Mascherine solo per proteggersi dal Covid? No, per tenere a bada l’ansia

Indossare correttamente la mascherina non aiuta solo a prevenire il contagio da Sars-Cov-2, ma è anche associato a meno...

Il Forum del Libro, l’associazione italiana per la promozione della lettura, ha inviato un appello alla ministra dell’Istruzione Azzolina affinché non vengano snaturate le biblioteche scolastiche per recuperare quegli spazi maggiori richiesti dal distanziamento sociale.

L’appello. «Gli spazi delle biblioteche scolastiche naturalmente possono e devono essere usati come spazi utili anche nella situazione non facile che le scuole dovranno affrontare a settembre – si legge nel messaggio inviato alla ministra -, ma devono essere usati in maniera coerente con la loro funzione: spazi moderni e accoglienti per l’approfondimento degli interessi, l’alfabetizzazione informativa, i lavori di progetto, i gruppi di lettura, l’integrazione di fonti informative tradizionali e di rete. Usarli invece come aula di classe vanificherebbe l’investimento che il Suo stesso Ministero, attraverso vari progetti e azioni, ha condotto nel tempo, quello fatto da tante scuole per una didattica innovativa e un’azione educativa, sociale e culturale significativa, gli sforzi encomiabili del personale docente e non docente, l’impegno di Enti Locali, associazioni culturali e di genitori/ex alunni nel realizzare servizi integrati a vantaggio sia della comunità scolastica sia di quella territoriale».

I firmatari chiedono perciò che la biblioteca non venga snaturata, ma anzi sempre più rafforzata per la sua funzione educativa primaria. «La biblioteca scolastica merita di essere difesa – concludono così il loro appello -, sostenuta e rafforzata proprio nell’attuale situazione di crisi e di trasformazione della scuola italiana oggi, alla vigilia della riapertura di settembre».

 

In breve

Dal Derby d’Italia uscirà l’anti-Milan?

L'urlo di battaglia lo ha lanciato Conte subito dopo aver passato il turno di Coppa Italia, mercoledì scorso: «Domenica...

Potrebbe interessarti