25.3 C
Milano
17. 06. 2021 00:57

“Graduation Days”, dalla tesi ai reparti Covid: la Bicocca festeggia i laureati del lockdown

Al via i Graduations Day per celebrare i laureati del lockdown: tra loro tanti infermieri già impegnati in prima linea contro il Covid

Più letti

Le ultime sessioni di laurea sono passate in sordina per gli studenti dell’Università Milano-Bicocca. Oggi sono stati inaugurati i Graduation Days, durante i quali l’ateneo festeggerà i 3 mila studenti che nei mesi scorsi hanno ottenuto il diploma di laurea in casa.

Dopo il lockdown è il momento di festeggiare per i laureati

Le prossime giornate vedranno ognuna la partecipazione di 150 ragazzi, suddivisi su tre turni: per loro saranno disposte le postazioni sul prato del Bicocca Stadium, a distanza di sicurezza. Ogni laureato potrà farsi accompagnare da non più di quattro persone che siederanno in posti segnati sulle gradinate. Una cerimonia particolare, che ha visto per primi i protagonisti sul campo alla lotta contro Covid-19.

Il giusto tributo per gli studenti di infermieristica

L’apertura di queste giornate di festeggiamenti non poteva che spettare ai neolaureati in scienze infermieristiche che lo scorso 11 e 12 marzo hanno anticipato di un mese la sessione per poter dare subito il loro contributo nei giorni bui dell’emergenza Covid-19.

«In pieno lockdown, in un momento molto difficile per la Lombardia, i nostri ragazzi si sono fatti trovare pronti e sono andati subito a prestare servizio con impegno e passione», afferma con orgoglio la rettrice di Università Milano-Bicocca, Giovanna Iannantuoni.

graduation days bicocca milano
La rettrice Giovanna Iannantuoni

Una giornata da incorniciare questa per l’ateneo: «Per noi è una rinascita dopo mesi molto difficili. Era giusto che gli studenti potessero coronare la fine di un percorso formativo molto impegnativo», conclude la rettrice.

Dalla tesi ai reparti Covid

I primi ragazzi che hanno sentito proclamare il loro nome con relativa votazione finale sono stati quaranta giovani infermieri, già al lavoro tutti i giorni tra le corsie dei nostri ospedali.

Alcuni di questi sono passati dalla discussione della tesi al reparto Covid in pochissimi giorni. «Sono stata subito mandata in rianimazione Covid. È stato devastante a livello umano e lavorativo, perché ci hanno lanciato dentro un mondo difficilissimo. Però con l’aiuto delle colleghe più esperte ho saputo integrarmi velocemente e dare il mio contributo alla causa» così Simona Antinori, infermiera da marzo.

 

In breve

Focolaio Covid, la palestra di Città Studi chiude per una settimana

Il focolaio scoppiato nella palestra di Città Studi a Milano sta tenendo alta l'attenzione su una nuova possibile diffusione...