9.5 C
Milano
27. 10. 2020 06:55

Case popolari, scontro tra Comune e Regione. Rabaiotti: «La legge regionale discrimina gli stranieri»

Da Palazzo Marino una lettera contro la legge regionale sull'assegnazione delle case popolare: l'oggetto della discordia

Più letti

Alta tensione a Milano: sassi e petardi contro la Regione. Danni in corso Buenos Aires

Un fitto lancio di pietre, bottiglie e grossi petardi è stato attuato questa sera, dalle persone che stanno prendendo...

Milano, manifestazione contro il Dpcm: petardi e bottiglie contro i ghisa

Un centinaio di persone si è radunato poco fa in piazzale Loreto a Milano per manifestare contro il nuovo...

“Milano Resiste”, TvBoy torna con una nuova opera “anti-Covid”

L'artista TvBoy torna a "colpire" a Milano. Una sua nuova opera è comparsa a Ripa di Porta Ticinese vicino...

È scontro tra il comune di Milano e la Regione sull’assegnazione delle case popolari. Da Palazzo Marino fanno sapere attraverso una missiva inviata direttamente al Pirellone, che se la nuova legge regionale non verrà modificata entra il 31 ottobre, l’amministrazione farà in proprio un nuovo bando per assegnare gli appartamenti.

Il dibattito. L’oggetto della discordia tra Comune e Regione è il cosiddetto certificato di non possidenza, un documento attraverso il quale i richiedenti stranieri devono certificare di non avere possedimenti immobiliari all’estero.

«Il Tribunale di Milano ha detto che è discriminatorio – ha spiegato l’assessore alle politiche abitative Gabriele Rabaiotti -, quindi noi nella lettera abbiamo detto che elimineremo questo criterio. Nessun cittadino straniero dovrà più portare i certificati che dicono che nel suo Paese di origine non ha patrimoni immobiliari».

Rabaiotti case popolari legge regionale
Rabaiotti

La legge regionale inoltre sta provocando anche ritardi nell’assegnazione delle case. «La Legge regionale n. 16/2016 ed il Regolamento regionale n.4/2017 determinano inoltre gravi criticità sul piano operativo – si legge in uno stralcio della lettera inviata dal Comune alla Regione -. Per effetto di questi meccanismi siamo passati da 456 assegnazioni di alloggi comunali, gennaio-settembre 2019, a 148, gennaio-settembre 2020».

L’assessore Rabaiotti spiega come al momento siano presenti 300 alloggi già ristrutturati e assegnabili, ma che sono bloccati dalla legge regionale. «Riteniamo che entro dicembre possano diventare 600 – ha aggiunto l’assessore -. Io penso che ci sia il rischio che questo scateni l’appetito delle occupazioni».

 

 

In breve

Coronavirus, colpito un altro volto noto dello spettacolo

Il noto conduttore Gerry Scotti si aggiunge alla lista dei contagiati a Milano. A dichiararlo direttamente lui tramite il...

Milano, manifestazione contro il Dpcm: petardi e bottiglie contro i ghisa

Un centinaio di persone si è radunato poco fa in piazzale Loreto a Milano per manifestare contro il nuovo Dpcm. Petardi e violenza. Un corteo si...

“Milano Resiste”, TvBoy torna con una nuova opera “anti-Covid”

L'artista TvBoy torna a "colpire" a Milano. Una sua nuova opera è comparsa a Ripa di Porta Ticinese vicino al ponte di ferro. "Milano resiste"....

Bollettino regionale, non si placa la pressione sugli ospedali: Milano, +960

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.570, di cui 124 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (21.324 oggi) e positivi che...

Coronavirus, colpito un altro volto noto dello spettacolo

Il noto conduttore Gerry Scotti si aggiunge alla lista dei contagiati a Milano. A dichiararlo direttamente lui tramite il proprio profilo Instagram. Il post. «Volevo essere...

Potrebbe interessarti