0.8 C
Milano
16. 01. 2021 06:28

Commercio al dettaglio e ristoranti non decollano. L’allarme di Confcommercio

La Confcommercio Lombardia lancia l'allarme per il settore terziario: commercio al dettaglio e ristoranti stentano a ripartire

Più letti

#Ioapro, primo video da un ristorante di Milano: balli, musica e tavoli pieni. Il video

La fronda dei ristoratori che hanno annunciato l'apertura serale nonostante i divieti, corre per l'Italia ma non decolla. Gli...

Zona rossa, Fontana: «Faremo ricorso». La replica di Sala: «Qualcosa non torna nelle mosse della Regione»

I dati del monitoraggio Iss hanno confermato tutte le ipotesi: la Lombardia entrerà ufficialmente in zona rossa domenica. Nonostante...

Chi apre? I ristoranti riaccendono le insegne: al via la “rivolta” di #ioapro

Com’è ormai consuetudine nell’era digitale, tutto è nato sui social. In pochi giorni un tam tam che si è...

Il quadro delineato da Confcommercio Lombardia sulla ripartenza delle attività del terziario non è per nulla rassicurante: il commercio al dettaglio e i ristoranti sono ancora lontani dal ritrovare la spinta pre-Covid.

Consumi mirati. “Al momento della riapertura, il 18 maggio, c’è stata sicuramente la voglia di riaffacciarsi alla vita e, perché no, anche allo shopping – commenta Confcommercio Lombardia – ma è innegabile come i consumi si siano generalmente orientati su spese di carattere necessario, quasi come se la quarantena avesse lasciato in eredità comportamenti più frugali, orientati all’essenziale”.

Non è un caso che i dati segnalati a Confcommercio Lombardia evidenzino un flusso di clientela ancora molto basso rispetto al periodo pre-lockdown: nel commercio non alimentare i clienti si sono praticamente dimezzati (45-50%), per la ristorazione siamo ad un terzo (35%).

Crisi economica. Il cambio di abitudini negli acquisti, rivolti soprattutto ai beni alimentari, sembra sia diventata una pratica consolidata per i consumatori. Le spese rivolte allo shopping e al divertimento stentano a decollare: l’ansia per il domani dettata dall’attuale crisi socio-economica influisce notevolmente sui consumi.

Inoltre le prescrizioni anti-Covid che obbligano a modalità diverse di fruizione dei servizi spesso funzionano da deterrente.

“Riaprire non ha significato la ripartenza come se niente fosse successo: questi dati lo dimostrano – sottolinea Confcommercio Lombardia -. Solo per il settore moda in Lombardia avremo oltre 2 miliardi di consumi in meno a fine anno, e il rimbalzo sperato ancora non si è visto. I consumatori sono prudenti. Le attività del terziario hanno ancora bisogno di sostegno”.

In breve

#ioapro sbarca a Milano: il Don Lisander da domani riapre le porte

La protesta dei ristoratori #ioapro arriva a Milano. Uno dei protagonisti della mobilitazione sarà il Don Lisander, storico locale...

Potrebbe interessarti