6 C
Milano
15. 01. 2021 15:22

Coronavirus, nasce il comitato “Noi denunceremo”

Più letti

Milano, licei occupati. L’asssemblea degli studenti: «La DAD non può essere scuola»

Nella giornata di oggi gli studenti del liceo scientifico e linguistico Severi-Correnti hanno simbolicamente occupato il cortile della scuola....

Chi apre? I ristoranti riaccendono le insegne: oggi la “rivolta” di “IO APRO 1501”

Com’è ormai consuetudine nell’era digitale, tutto è nato sui social. In pochi giorni un tam tam che si è...

Fontana: «Zona rossa penalizzante. Speranza riveda i parametri»

Il presidente Fontana intercettato mentre usciva da un incontro al Teatro alla Scala ha parlato delle sue perplessità sull'ingresso...

«Siamo quasi 50mila, un grande Paese di gente che vuole giustizia e vuol sapere ciò che è successo». Così Stefano Fusco, che insieme al padre Luca ha creato poco più di un mese fa il gruppo pubblico su Facebook “Noi denunceremo”, che raccoglie le testimonianze di chi ha perso dei cari per l’epidemia, annuncia che «è stato formalmente costituito il comitato no profit Noi Denunceremo – Verità e giustizia per le vittime Covid-19, che ha lo scopo di essere il canale attraverso il quale chi vorrà, insieme a noi, potrà agire in giudizio».

Assistenza. «Stiamo strutturando una rete di legali, che si sono messi a disposizione gratuitamente, così come – racconta Luca Fusco, commercialista della bergamasca che ha perso il padre per il Covid – le 15 persone che vagliano tutti i post della pagina, che non è mai stata pensata come uno sfogatoio, ma come raccolta di testimonianze, vagliate una ad una». L’intenzione del comitato è costituirsi parte civile negli eventuali processi che nasceranno dalle inchieste in corso, «senza chiedere risarcimenti».

Controllo. A tutti quelli che sono decisi a entrare nel comitato, Fusco raccomanda di controllare la propria testimonianza e integrarla con ogni informazione disponibile. «Saranno poi gli avvocati – spiega il figlio Stefano in un video – a redigere la denuncia o querela del caso per ogni storia, a riunirle tutte insieme e a depositarle presso la procura competente».

In breve

DAD, non è ancora finita: gli studenti occupano altri licei a Milano

La protesta degli studenti contro la DAD non si placa. Dopo lo spiraglio aperto dalla sentenza del Tar dei...

Potrebbe interessarti