-0.5 C
Milano
27. 01. 2021 07:40

I gestori delle discoteche fanno ricorso: la risposta del Tar

Il Tar si è espresso sul ricorso presentato dai gestori delle discoteche: tutti i dettagli

Più letti

Bollettino regionale, le terapie intensive scendono sotto quota 400: Milano, +169 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.230, di cui 59 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Powercoders, l’integrazione e la formazione: a Milano un’accademia per i rifugiati

Dopo Torino sbarca a Milano il progetto Powercoders. Si tratta di un'accademia di programmazione informatica riservata ai rifugiati perchè...

Una “nuova” Giulia Molino: «La motivazione è tutto»

Giulia Molino è stata tra le protagoniste assolute dell'ultima edizione di Amici, conquistando il secondo posto. La pandemia le...

Dopo il ricorso del sindacato degli imprenditori dell’intrattenimento e delle piste da ballo, arriva la risposta del Tar: nessuna riapertura delle discoteche al momento.

La sentenza. Secondo il verdetto del Tar, «nel bilanciamento degli interessi proprio della presente fase del giudizio,la posizione di parte ricorrente risulta recessiva rispetto all’interesse pubblico alla tutela della salute nel contesto della grave epidemia in atto» e «tale interesse costituisce l’oggetto primario delle valutazioni dell’Amministrazione, caratterizzate dall’esercizio di un potere connotato da un elevato livello di discrezionalità tecnica e amministrativa in relazione alla pluralità di interessi pubblici e privati coinvolti e all’esigenza di una modulazione anche temporale delle misure di sanità pubblica nella prospettiva del massimo contenimento del rischio».

Insomma, per il Tribunale Amministrativo il rischio sanitario ha un peso maggiore rispetto alla crisi economica del settore dell’intrattenimento generata dalla nuova ordinanza.

Proteste. Non si placano però le polemiche dei gestori. «L’ordinanza del ministro non sta facendo altro che incentivare l’abusivismo – racconta Maurizio Pasca, presidente del Silb Filp, associazione italiana imprese di intrattenimento da ballo e di spettacolo -. Siamo già in possesso di centinaia di video di feste abusive in ville che sfuggono a ogni controllo. In un filmato con giovani che addirittura si dichiarano positivi al Covid».

 

In breve

La pandemia non ferma il ricordo: domani si celebra il Giorno della Memoria

La pandemia non ferma il ricordo. E così domani, pur senza appuntamenti in presenza, si celebra comunque il Giorno...

Potrebbe interessarti