15.8 C
Milano
06. 05. 2021 10:59

Feste e assembramenti: raffica di controlli e sanzioni a Milano e hinterland

Più letti

Ancora feste e assembramenti, per lo più di giovani, nel weekend a Milano e nell’hinterland che hanno costretto i carabinieri a effettuare parecchi interventi e a sanzionare decine di persone per la violazione delle norme anti-Covid.

In città. Nella serata di venerdì, verso le 22.30, in vicolo Fiori Chiari, in pieno centro a Milano, le forze dell’ordine sono intervenute per un “gruppone” di 17 giovani, tra i 20 e i 25
anni, per la maggior parte studenti, intenti a bere drink e a trascorre il “dopocena” in strada. Una festa con 32 studenti, invece, è stata scoperta nel cuore della notte scorsa dalla Polizia di Stato e tutti i giovani sono stati sanzionati. A segnalare attorno alle 3.00 urla, schiamazzi e musica ad altissimo volume sono stati i condomini di un palazzo in viale Bligny. Quando gli agenti sono arrivati hanno trovato i ragazzi, dai 17 ai 21 anni, intenti a far baldoria nella casa di uno di loro. Attorno alle 22.30 è stato scoperto un altro party in un laboratorio in via Fratelli Zoia: in tutto c’erano 19 persone, dai 23 ai 47 anni. Sanzionati anche 15 clienti e il titolare di un “paninaro” intento a servire cibo dal suo furgone in via Nicolodi verso le 21.45. Infine poco prima dell’una 8 giovani, amici dai 22 ai 26 anni sono stati sorpresi senza mascherina in piazza Sant’Eustorgio. E ancora: ieri sera attorno 23.30 circa, i militari del Nucleo Radiomobile sono intervenuti in viale Tunisia, dove era stata segnalata una festa in un’abitazione. Una volta arrivati sul posto sono stati trovati 11 studenti universitari del Politecnico nell’appartamento, preso in affitto da uno di loro, con musica ad alto volume. I ragazzi, tra i 20 e i 23 anni, sono stati tutti identificati e sanzionati.

Hinterland. Sempre ieri notte a Corsico, in seguito a una telefonata di un cittadino, i carabinieri sono intervenuti in via Mazzini per una festa. Oltre al padrone di casa, un 19enne, sono state identificate 10 persone, tra cui tre minorenni. Lo stesso è accaduto a Cesano Boscone in via Falcone, dove era stata segnalata la presenza di diverse persone in un appartamento. I militari hanno, quindi, identificato un 23enne, affittuario dell’abitazione, ed altre 8 persone, riunite per trascorrere la serata. Alle 18.30 invece, a Sesto San Giovanni, su richiesta di alcuni residenti della zona che segnalavano assembramenti, hanno effettuato controlli presso un bar di via Cesare da Sesto, di proprietà di un 27enne italiano. Lì hanno trovato 4 clienti, tra i 27 e 40 anni, che prendevano l’aperitivo seduti ai tavolini esterni. In mattinata, invece, a Vaprio d’Adda, i militari durante un servizio effettuato nell’area parcheggio di un supermercato di via Milano hanno denunciato in stato di libertà per il reato di epidemia colposa un 25enne marocchino positivo al coronavirus in quanto non ha rispettato l’obbligo di isolamento fiduciario. Sanzionati invece i quattro amici, tra i 20 e i 23 anni e con precedenti, con i quali l’uomo si trovava.

In breve

Milano, voglia di prima casa: il Recovery spinge i mutui

Non c’è ancora l’effetto “rimbalzo” dopo le dichiarazioni di Mario Draghi relative alle misure a sostegno dei giovani che...