17.9 C
Milano
27. 02. 2021 17:10

Fontana sulla mozione di sfiducia a Gallera: «È una vergogna»

Il governatore Fontana difende l'assessore Gallera definendo la mozione di sfiducia presentata dal Pd una vergogna

Più letti

M4, ci siamo: ecco quando verrà inaugurata la fermata di Linate

Le gallerie della M4 sono terminate e molte delle fermate sono già ultimate. Tra queste, come dimostrano le immagini...

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

Il governatore Attilio Fontana si scaglia contro la mozione di sfiducia presentata nei confronti dell’assessore Gallera e di tutto il suo staff tecnico. Nei giorni scorsi l’opposizione Pd presente in consiglio regionale attraverso un proprio documento aveva chiesto un cambio radicale dell’assetto politico dell’assessorato al Welfare, a loro parere incapace di gestire l’epidemia e colpevole delle situazioni all’interno delle Rsa lombarde.

Speculazione. Il presidente Fontana intervistato ai microfoni di Radio Padania parla di una speculazione costruita ad hoc nei confronti del collega. «Lunedì si discuterà in Consiglio regionale una sorta di mozione di sfiducia nei confronti all’assessore Gallera – ha dichiarato Fontana – e di tutto lo staff tecnico che ci ha supportato in questo periodo. È una vergogna!».

Fontana: «Dobbiamo rinunciare alla nostra libertà»

Il governatore non ha alcun dubbio sulla professionalità di Gallera e del suo staff: «Si tratta di persone di grandissima qualità, che hanno passato giorno e notte in Regione per dare risposte a quello che succedeva e alcune hanno anche perso la salute, come il direttore generale (Luigi Cajazzo, ndr) che è stato in ospedale per 15 giorni».

È ancora più duro l’attacco che viene rivolto alle opposizioni. «È una vergogna nazionale e internazionale che si raccontino tante bugie, che si facciano processi quando ancora la situazione non è completata – ha affermato ancora il governatore -. E’ una cosa che ti lascia capire la qualità delle nostre opposizioni, dei nostri avversari politici, che cercano di speculare in ogni modo anche su un dramma come quello che stiamo ancora vivendo».

 

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...