3.6 C
Milano
26. 01. 2021 09:12

Gallera: «2021 anno complicato, ma noi non ci arrendiamo»

L'assessore al Welfare indica il 2021 come l'anno in cui torneremo ad abbracciarci: il video

Più letti

In attesa della riapertura, al castello Sforzesco arriva il virtual tour

La mostra Giuseppe Bossi e Raffaello al Castello Sforzesco di Milano, allestita nelle sale espositive dell’antico Ospedale Spagnolo del...

A Milano un “Muro della gentilezza” per i più bisognosi

Oltre dieci tonnellate di indumenti usati, 400 coperte invernali, più di 13mila libri e centinaia di giocattoli per bambini...

Scuola, troppe iscrizioni e pochi posti disponibili: a Milano si rischiano classi pollaio

La scuola a Milano non ha soltanto riaperto alle porte, ma anche le segretarie sono tornate a lavorare a...

L’assessore al Welfare Giulio Gallera ha voluto augurare personalmente un buon inizio di 2021 ai lombardi attraverso un video sul proprio profilo Facebook.

Gli auguri. «Il 2021 sicuramente sarà ancora un anno complicato – ha dichiarato l’assessore -. Per molti mesi dovremo ancora avere degli atteggiamenti diversi da quelli della nostra vita normale, stare a distanza dagli altri, rendere rarefatta la nostra vita sociale, continuare a usare le mascherine» .

Gallera chiede ancora ai lombardi di fare uno sforzo comune. «Ci sarà bisogno ancora – ha aggiunto l’assessore – di alcuni mesi di grande accortezza, probabilmente con ondate che ancora arriveranno, con ancora una diffusione del virus ampia, cattiva, che ancora porterà dolore. Però è arrivato il vaccino, abbiamo cure molto più performanti. Oggi riusciamo a cogliere prima i sintomi e a curare meglio le persone affette da Covid. E quindi durante l’anno il punto luce in fondo al tunnel diventerà più forte. Dobbiamo essere convinti che il 2021 sarà l’anno in cui ci sarà la svolta e potremo tornare ad abbracciarci».

Ma per arrivare a questo punto serrve ancora tanta determinazione. «Il mio augurio – ha concluso Gallera – è di non perdere questa determinazione nel combattere, ma guardare anche con positività al futuro. Siamo un popolo che non si arrende».

 

In breve

A Milano un “Muro della gentilezza” per i più bisognosi

Oltre dieci tonnellate di indumenti usati, 400 coperte invernali, più di 13mila libri e centinaia di giocattoli per bambini...

Potrebbe interessarti