2.6 C
Milano
03. 12. 2020 14:54

Galli critica Speranza: «Non possiamo stare in attesa di un vaccino che non sappiamo quando arriverà»

Galli poco ottimista sull'arrivo del vaccino anti-Covid: le dichiarazioni

Più letti

Dopo 74 anni il ritorno a casa: ritrovato lo stemma del museo Poldi Pezzoli

Il Museo Poldi Pezzoli riabbraccia il monumentale stemma gentilizio Poldi Pezzoli realizzato in bronzo dall'artista lombardo Lodovico Pogliaghi, tra...

Stanchi dell’etichetta “non essenziale”: lavoratori dello spettacolo di nuovo in piazza a Milano

C'è chi non ce la fa più a sentirsi etichettato come "settore non essenziale". Stiamo parlando dei teatri, dei...

Sciopero della fame per una migliore condizione di vita nelle carceri: aderiscono alcuni consiglieri milanesi

Da inizio pandemia nelle carceri si sono verificati oltre 900 casi di Covid, ai quali vanno sommati altri 1.000...

Il direttore del reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale Sacco, Massimo Galli, smorza l’entusiasmo del ministro Speranza sull’arrivo del vaccino anti-Covid entro marzo.

Le dichiarazioni. «E’ necessaria una programmazione che consenta di capire come possiamo uscire da questa crisi nell’immediato e come possiamo continuare a starne fuori finché non arriverà qualche cosa che ci metterà al riparo – ha dichiarato galli durante la trasmissione Agorà -. E questo qualcosa probabilmente sarà soltanto il vaccino, che però non sappiamo quando lo avremo e, purtroppo, nemmeno se l’avremo».

massimo galli

Rispetto alle parole di Speranza, Galli ha affermato: «Sono completamente solidale a delle posizioni di buon auspicio ma non possiamo stare in attesa di un risultato che non sappiamo se si concretizzerà e quando. Sarebbe come andare in battaglia sperando di avere in mano un’arma che arriverà tra un numero imprecisato di mesi».

Scuole. La parola d’odine per Galli è programmazione, quella che a suo parere è mancata nelle scuole. «Abbiamo passato l’estate a dibattere sul fatto che i banchi a rotelle non servivano a molto – ha concluso l’esperto -, ma non si sono messe le scuole nelle condizioni di avere una presenza sanitaria che permetterebbe di poter sfruttare tamponi rapidi e test salivari che arriveranno si spera presto, così da intercettare e contenere subito eventuali infezioni nelle scuole, anche primarie».

In breve

Dopo 74 anni il ritorno a casa: ritrovato lo stemma del museo Poldi Pezzoli

Il Museo Poldi Pezzoli riabbraccia il monumentale stemma gentilizio Poldi Pezzoli realizzato in bronzo dall'artista lombardo Lodovico Pogliaghi, tra...

Stanchi dell’etichetta “non essenziale”: lavoratori dello spettacolo di nuovo in piazza a Milano

C'è chi non ce la fa più a sentirsi etichettato come "settore non essenziale". Stiamo parlando dei teatri, dei musei, delle sala da concerto...

Sciopero della fame per una migliore condizione di vita nelle carceri: aderiscono alcuni consiglieri milanesi

Da inizio pandemia nelle carceri si sono verificati oltre 900 casi di Covid, ai quali vanno sommati altri 1.000 casi di operatori infetti, in...

Recovery Fund, Fontana: «Non spenderemo le risorse in bici elettriche e monopattini»

Il presidente Fontana è intervenuto durante l'evento organizzato dal Sole 24 Ore "Smartland". È stata l'occasione per parlare degli aiuti che arriveranno attraverso il...

Dpcm Natale, inviata la bozza alle Regioni: Conte pronto a firmare

È stata inviata la bozza del nuovo Dpcm alle Regioni, la quale entrerà in vigore a partire da domani, venerdì 4 dicembre. Le novità. Secondo le...

Potrebbe interessarti