8.7 C
Milano
26. 02. 2021 09:37

Galli: «Zona gialla non è tana libera tutti»

Più letti

Il de profundis dei nostri aeroporti: quale futuro per gli scali milanesi?

Il movimento aeroportuale non fa rima solo con divertimento (per le vacanze) o necessità (per lavoro). Lo stato di...

Arrivederci zona gialla: la Lombardia pronta a riabbracciare l’arancione

Oggi sarà un altro giorno di sentenze. Come consueto ogni venerdì, la cabina di monitoraggio determinerà i nuovi colori...

Bollettino regionale: oltre quattromila positivi, tasso in rialzo all’8,6%

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.243, di cui 200 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Da lunedì la Lombardia entrerà in zona gialla, con la conseguente riapertura di bar e ristoranti a pranzo, oltre che la possibilità di spostarsi nel territorio regionale. Eppure gli esperti invitano alla massima prudenza. «Siamo in una situazione di assoluta precarietà per quanto riguarda la pandemia, siamo sospesi», ha spiegato Massimo Galli, direttore delle Malattie Infettive dell’Ospedale Sacco di Milano. E ancora: «Il cambio di colore non può e non deve essere “tana libera tutti”. Stiamo andando meglio, ma non tanto meglio da accantonare la prudenza: serve essere molto cauti».

Trend. Secondo l’esperto «il problema non è risolto. E se facciamo ciò che abbiamo fatto prima di Natale, siamo di nuovo punto e daccapo. Questo oltre tutto in un contesto internazionale assolutamente preoccupante e nell’emergere di una serie di nuove varianti la cui affermazione potrebbe causare scenari difficili da controllare». Infine: «Il trend che ci faccia dire “possiamo riprendere a fare tutto”, non ce l’abbiamo ancora».

In breve

Acquisto vaccini, Burioni attacca la funzionaria italiana: «Si occupava di pesca e agricoltura»

Il virologo dell'Università Vita-Salute San Raffaele, Roberto Burioni, attacca attraverso un consueto tweet la dott.ssa Sandra Gallina, la funzionaria...