7.9 C
Milano
25. 11. 2020 12:01

Gerry Scotti dimesso dall’ospedale: «Vedevo 24 persone intubate, scene da film di fantascienza»

Il celebre conduttore è stato dimesso: il racconto della convalescenza

Più letti

Sala: «Combattiamo per una reale parità tra i sessi»

Il sindaco Sala ha voluto sottolineare l'importanza della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne con un post sui...

Milano, il liceo Bottoni riapre le sue porte: la protesta contro la Dad

Si riaprono le porte del liceo Bottoni a Milano. Alcuni dei 760 studenti dell'istituto si sono ritrovati nel cortile...

Idroscalo, dieci panchine rosse per dire “no” alla violenza contro le donne

Dieci panchine rosse, come segno di opposizione alle discriminazioni e alla violenza di genere, sono state posizionate all'interno del...

Gerry Scotti è stato dimesso dall’ospedale dopo aver passato una decina di giorni attaccato ai macchinari per la respirazione assistita. «Quando mi hanno detto che mi ricoveravano sono diventato verde, ho sudato freddo. Io li vedevo tutti, vedevo 24 persone immobili, intubate, come nei film di fantascienza», ha dichiarato il celebre conduttore in un’intervista al Corriere.

La degenza.  Tutto è iniziato con qualche banale sintomo influenzale. «Avevo 36 e 2 e pensavo di star bene – ha raccontato Scotti -. Invece positivo. Quando ho sentito quella parola mi è sembrato improvvisamente di essere al di là del Muro di Berlino, non so come altro spiegarlo. In un attimo ho rivissuto i sei mesi di paura, terrore, precauzione, speranza che stiamo vivendo tutti. Perché proprio a me? Sentivo di non sapere nemmeno da dove cominciare a capire da dove fosse partito tutto».

gerry scotti positivo

La parte più dura della convalescenza è stato il ricovero vicino ai malati della terapia intensiva. «I medici mi dicevano di non spaventarmi: non la mettiamo in terapia intensiva ma in una stanza a fianco perché abbiamo bisogno di attaccare al suo corpo una serie di strumenti per monitorarla, per sapere se la sua macchina, il suo corpo, ha bisogno di cure particolari. Ero in una stanzina, di là c’era la sliding door della vita di tantissime persone. Con due altri pazienti ci strizzavamo l’occhio, dai che ce la fai. Ho appurato — stando lì, due notti e un giorno — che quella era l’ultima porta. Se decidevano di aprire quel varco… Io li vedevo tutti, vedevo 24 persone immobili, intubate, come nei film di fantascienza. Pregavo per loro invece che pregare per me».

Ringraziamenti. Il conduttore ha voluto ringraziare infine i medici del Covid Center dell’Humanitas. «Sono stati eccezionali – ha aggiunto Scotti -. In quelle notti insonni vedevo un formicaio di ragazzi e ragazze, tutti sotto i 30 anni, non ce ne era uno fermo per più di 10 secondi. Un preghiera mi hanno fatto quando sono uscito: dica che non siamo eroi, dica che siamo ragazzi e ragazzi che cercano d fare al meglio il proprio lavoro. È facile cavalcare gli errori e le polemiche, ma gli errori e le polemiche non sono di quelli che sono in prima fila, in trincea. Gli sbagli sono più indietro, nei quartier generali, appartengono alla politica. Non certo a loro».

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

“Ti picchio, ma ti amo”: il flash mob con i piatti in piazza Duomo

Oggi in piazza Duomo, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, avrebbe dovuto tenersi...

Milano, il liceo Bottoni riapre le sue porte: la protesta contro la Dad

Si riaprono le porte del liceo Bottoni a Milano. Alcuni dei 760 studenti dell'istituto si sono ritrovati nel cortile della scuola in segno di...

Idroscalo, dieci panchine rosse per dire “no” alla violenza contro le donne

Dieci panchine rosse, come segno di opposizione alle discriminazioni e alla violenza di genere, sono state posizionate all'interno del Parco Idroscalo, in occasione della...

“Ti picchio, ma ti amo”: il flash mob con i piatti in piazza Duomo

Oggi in piazza Duomo, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, avrebbe dovuto tenersi la performance artistica il "luogo...

Milano, un Natale amaro per i commercianti: migliaia di botteghe a rischio chiusura

Non sarà un Natale "grasso" per i commercianti milanesi. Tutti i commercianti costretti ad abbassare le saracinesche durante questa seconda ondata, ovvero abbigliamento, casalinghi,...

Potrebbe interessarti