11.2 C
Milano
22. 04. 2021 03:50

Giambellino, la nuova piazza Tirana deturpata. Il presidente del Municipio: «Non arrendiamoci»

Scene di degrado per la nuova piazza riqualificata al Giambellino: le immagini

Più letti

Non tutti sembrano aver compreso gli interventi di urbanistica tattica voluti dal Comune di Milano. Basta osservare le immagini provenienti da piazza Tirana al Giambellino, dove qualcuno ha immortalato l’immondezzaio lasciati sul tavolo da ping pong, nato per creare socialità e non come piano d’appoggio per pic-nic improvvisati.

Dibattito politico. Le foto sono immediatamente diventate oggetto di uno scontro politico, in cui la consigliera Stefania Carnevali, ha immediatamente attaccato la giunta del municipio 6. «Complimenti alla lungimiranza del Pd che ha deciso, spendendo soldi pubblici, senza ascoltare i residenti e la mozione di Fratelli d’Italia, da me promossa, che chiedeva di non istallare elementi che avrebbero portato ulteriore degrado in piazza».

Santo Minniti
Santo Minniti

Dal canto suo il presidente del Municipio, Santo Minniti, chiede pazienza perché il cambiamento ha bisogno di tempo prima di radicarsi nella sensibilità comune. «Sarebbe più semplice non fare nulla – ha dichiarato – aspettare che chi può mandi via gli incivili e sistemi le case, usare quei problemi come alibi. Ma la daremmo vinta a chi non vuole bene al Giambellino, a chi lo abbandona e a chi lo deturpa. E allora ecco cosa facciamo noi. Ci proviamo, perché non accettiamo di lasciare voi senza servizi per paura che altri li usino male. Non ci arrendiamo al degrado, e puliremo sempre una volta in più delle volte in cui sporcano. Non la diamo vinta a chi vuol male al quartiere, e chiediamo che gli incivili siano sanzionati e accompagnati alla porta. Da soli non ce la possiamo fare, abbiamo bisogno di tutti voi. Chi vuole bene al Giambellino ci dia una mano a ridargli dignità».

 

In breve

Blitz del Collettivo Kasciavìt contro Radio 105: «Dallo Zoo discorsi sessisti»

  Blitz fuori dalla sede milanese di Radio 105 da parte del Collettivo Kasciavìt contro lo Zoo, i cui conduttori...