11.1 C
Milano
23. 10. 2021 04:16

GionnyScandal si svela in Duomo: “Io e il vero emo trap”

Più letti

GionnyScandal, uno dei maggiori esponenti della nuova generazione rap-trap, torna con Black Mood, nuovo album di inediti in uscita domani, venerdì 6 settembre per Virgin Records (Universal Music Italy).

 

Il disco, contenente sedici tracce e che rappresenta un cambiamento sostanziale nella produzione del giovane rapper, sarà presentato domani alla Mondadori di piazza Duomo, a Milano, alle 18.30.

IL RACCONTO • «Molti artisti e rapper dicono che va sempre tutto bene, invece non è così – ha raccontato a Mi-Tomorrow -. Al giorno d’oggi, moltissimi ragazzini sono tristi e depressi ed è lo specchio della nostra realtà. Secondo me, la colpa è dei social. In questo disco, non ho voluto parlare degli altri, parlo di me. Lavorare a questi brani mi ha aiutato tanto».

FEDEZ • «Quando è uscito il disco di Fedez lui disse che il genere era emo trap, io lo conosco Federico e ho pensato subito non fosse vero – prosegue -. Lui ascoltava i Blink e non sono emo, sono pop punk. Una volta uscito il disco, ho scelto di dirlo. Ho fatto una storia su Instagram e ho detto la mia: quel disco non è emo trap. Non basta un giro di chitarra per rendere un disco emo trap. Devi aver suonato in una band per aggiungere la parola “emo” a “trap”, se non hai mai suonato e sei nato nel 2000 non potrai mai fare quel genere lì. Serve conoscere la musica degli anni prima, avendoli proprio vissuti. Non voglio essere il pioniere, prima ero emo anch’io e ora sto facendo una cosa nuova».

EMO TRAP • Sul significato del genere emo trap non ha dubbi: «E’ semplicemente unire l’emo-core all’Hip Hop. Fare trap non è impossibile, lo sanno fare anche i giovani d’oggi. La trap è semplice, i testi li possono scrivere tutti. Nelle liriche trap non c’è un contenuto, venti pezzi trap sono un pezzo solo. L’emo trap ha più skills: devi saper suonare la chitarra, anche la scrittura e la tematica sono complicate. Parli di cose vere senza ingrandire la realtà».

In breve

Alla Triennale c’è “Refocus”, la pandemia raccontata da 40 giovani fotografi

La pandemia raccontata dagli scatti fotografici di 40 giovani fotografi: fino al 21 novembre negli spazi della Triennale di...