6.8 C
Milano
03. 03. 2021 07:08

Governo, Salvini: «Basta tecnici. Al voto il prima possibile»

È il momento delle consultazioni. Per Matteo Salvini il supporto a Mario Draghi è vincolato...

Più letti

Sanremo 2021, prima serata da 1 a 10: “Fai rumore” patrimonio Unesco, Fiorello nel suo habitat, Lauro in un mondo parallelo

La prima serata di Sanremo 2021 rivista dai nostri giudizi: tanto da raccontare, tanto da rivedere nel primo segmento...

Lombardia, ipotesi zona rossa da lunedì 8 marzo

Due mesi dopo per la Lombardia torna lo spettro della zona rossa. Questa volta, però, a decretarla potrebbe essere...

Bollettino regionale, la variante inglese diventa dominante e le terapie intensive crescono ancora

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.762 con la percentuale tra tamponi eseguiti (42.052 oggi) e positivi...

Ieri il presidente della Repubblica Mattarella ha affidato l’incarico a Mario Draghi di formare un nuovo governo. Sono partite così immediatamente le consultazioni per capire se sia possibile raggiungere una maggioranza pronta a sostenere l’esecutivo istituzionale. Tra le file dell’opposizione il confronto più atteso è quello con il segretario della Lega Matteo Salvini.

Le dichiarazioni. «Ridare la parola agli italiani resta la via maestra – ha affermato Salvini -. Se Draghi dirà che si andrà a votare tra due anni è chiaro che noi non potremo votare lui. Anche perché non è vero che non si possa andare alle elezioni».

Matteo Salvini, quindi resta fermo sulla linea del voto il prima possibile. «Questa primavera voteranno venti milioni di italiani, a Roma, Milano, Torino, Bologna e così via – ha aggiunto il leader della Lega in un’intervista a La Stampa -. Di una cosa però sono certo. Il centrodestra è compatto e continuerà a muoversi come ha fatto finora: tutto insieme. E comunque ci vuole un governo politico, basta con i tecnici. Io sono il segretario del primo partito della coalizione e del Paese e ai miei alleati ho detto: andiamo ad ascoltare quel che Draghi ci dirà, valutiamo e troviamo una posizione comune. Questo è il mio obiettivo. Ma ne parleremo dopo che avremo incontrato Draghi. Farlo prima è inutile».

Il prossimo anno scadrà il mandato di Mattarella. Così Salvini si è lasciato scappare una battuta anche sul prossimo candidato al Quirinale. «Da un punto di vista legale, Berlusconi è perfettamente eleggibile – ha sottolineato Salvini -. E da quello politico è molto meglio lui di molti altri. Quanto alle voci di strategia con Renzi per far cadere Conte, ma figuriamoci, sono tutte leggende. Con Renzi non abbiamo concordato alcunché».

In breve

Milano, tanti alberi per via Porpora: un sogno che potrebbe diventare realtà

Verde Porpora è un gruppo nato da pochissimi giorni su Facebook. Raccoglie alcuni cittadini residenti in zona Porpora, lunga...