2.3 C
Milano
20. 01. 2021 20:02

Durante le feste sempre più italiani hanno chiesto aiuto per mangiare: i dati di Coldiretti

Sempre più persone si sono rivolte ai centri di distrubuzione alimentare nelle ultime settimane: i dati

Più letti

Bollettino regionale, leggero aumento di ricoveri nei reparti ospedalieri: Milano, +187 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.876, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

«Basta, siamo stremati», una nuova protesta dei ristoratori: cesti di prodotti scaduti per il Prefetto

I ristoratori sono nuovamente sul piede di guerra. Domani andrà in scena una nuova manifestazione che si svolgerà al...

Terza ondata? Galli: «Al momento non ci sono segnali»

Quando arriverà la terza ondata? Molto probabilmento non ora. Ne è convinto il professor Massimo Galli, direttore del reparto...

A livello economico il 2021 non inizia certamente con il piede giusto. A Natale e Capodanno 4 milioni di italiani sono stati costretti a chiedere aiuto per mangiare. Quello che emerge dalla ricerca di Coldiretti è un numero praticamente raddoppiato rispetto all’anno precedente.

I numeri. «Si tratta della punta dell’iceberg della situazione di difficoltà in cui si trova un numero crescente di persone costrette a far ricorso alle mense dei poveri e molto più frequentemente – sottolinea la Coldiretti – ai pacchi alimentari, anche per le limitazioni rese necessarie dalla pandemia».

Fra i nuovi poveri ci sono coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti e artigiani costretti a chiudere, lavoratori in nero che non hanno potuto godere di alcun sussidio con lo scoppio della pandemia.

«Tra le categorie più deboli degli indigenti – evidenzia la Coldiretti – il 21% è rappresentato da bambini di età inferiore ai 15 anni, quasi il 9% da anziani sopra i 65 anni e il 3% sono i senza fissa dimora».

Tuttavia c’è anche una nota positiva in tutto questo. La gara di solidarietà nei confronti dei più fragili non si è fermata neanche in questo momento di crisi: quasi 4 italiani su 10 (39%) hanno infatti dichiarato di partecipare a iniziative di solidarietà per aiutare chi ha più bisogno.

La rete di solidarietà italiana può contare su ben 10.194 strutture periferiche (mense e centri di distribuzione) promosse da 197 enti caritativi impegnate nel coordinamento degli enti territoriali ufficialmente riconosciute.

In breve

«Venite, ho sparato ad una persona in metro», lo scherzo finito male di un ragazzino milanese

Gli uomini del 118 hanno ricevuto una richiesta d'aiuto lo scorso lunedì: dall'altra parte del telefono qualcuno che affermava...

Potrebbe interessarti