4.9 C
Milano
28. 11. 2020 05:17

Milano, capotreno aggredito sul treno: «Rischiamo ogni giorno»

Più letti

Un “albero di bauli” per non dimenticare i lavoratori dello spettacolo

Il mondo dello spettacolo offrirà a Milano il suo particolare albero di Natale. A partire dal 7 dicembre al...

Bollettino regionale, nuovo calo dei ricoverati: Milano, +722 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 5.389, di cui 530 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (40.931...

La fiaba di Natale di Shannon: la clochard americana torna a casa grazie alla solidarietà dei milanesi

Sembra una delle classiche storie di Natale che si vedono nei tanti film del periodo ed invece è tutto...

In tempi di Covid uno dei lavori che non si è mai fermato è certamente quello del capotreno. Nonostante ciò, gli addetti delle compagnie di viaggio sentono sempre più la pressione e la paura nel dover far rispettare le regole anti-Covid ai passeggeri. È quanto denuncia Marco Crudo, 37enne capotreno, aggredito durante il servizio su un treno regionale.

La denuncia. «In sedici anni di onorato servizio sui treni – scrive Crudo sul proprio profilo Facebook – non ho mai avuto un’esperienza più frustrante e spaventosa (neanche dopo aver elevato multe da centinaia di euro). Doveva arrivare una pandemia a portare con sé questa follia generalizzata. Una follia che mi costringe tutti i giorni a fare le vasche su e giù per i corridoi del treno per ricordare a decine e decine di persone di indossare correttamente la mascherina».

Durante un normale servizio su un regionale, Marco ha chiesto gentilmente ad un passeggero di indossare la mascherina. Alla richiesta l’uomo ha iniziato ad andare su tutte le furie costringendo il capotreno alla fuga dopo aver ricevuto una serie di insulti e spintoni.

trenord
trenord

Nel vagone era presente un unico passeggero che per timore è rimasto fermo nel suo posto senza prestare aiuto al giovane capotreno. Per sfuggire alle mani dell’aggressore, Marco Crudo ha contattato immediatamente la Polfer che ha braccato il passeggero e l’ha poi consegnato alla Polizia.

Nel suo post, Crudo si è sfogato duramente contro l’attuale situazione: «Chi mangia, chi parla al telefono e se l’abbassa, chi se la tiene sotto il naso, e poi ci sono i delinquenti veri e propri, come quello che ho avuto la sfortuna di incontrare sulla mia strada oggi. E siamo in Lombardia. A Milano. Migliaia di casi al giorno. Roba che non dovrebbe girare praticamente nessuno. Ma io sono un privilegiato. Il capotreno che ha lo stipendio fisso che quando chiede alla gente cortesemente di spostarsi altrove, con il treno mezzo vuoto, come risposta riceve lo sbuffo, se non la contestazione, perché non è giusto che noi abbiamo il posto riservato e loro no».

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

Un “albero di bauli” per non dimenticare i lavoratori dello spettacolo

Il mondo dello spettacolo offrirà a Milano il suo particolare albero di Natale. A partire dal 7 dicembre al...

Bollettino regionale, nuovo calo dei ricoverati: Milano, +722 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 5.389, di cui 530 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (40.931 oggi) e positivi che sale...

La fiaba di Natale di Shannon: la clochard americana torna a casa grazie alla solidarietà dei milanesi

Sembra una delle classiche storie di Natale che si vedono nei tanti film del periodo ed invece è tutto realtà. L'ambientazione di questa vicenda...

Sulla Statale Val Tidone come in pista: troppe infrazioni per eccesso di velocità

La Città metropolitana di Milano, nell’ambito del proprio progetto di Sicurezza Stradale volto alla riduzione dell’incidentalità a tutela dei cittadini, ha installato ed attivato...

Fontana: «Ora siamo in zona arancione»

La Lombardia passa da zona rossa a zona arancione. Ad annunciarlo il governatore Fontana su Twitter. Si attende solo l'ufficialità del governo. Il tweet. «Grazie...

Potrebbe interessarti