25.3 C
Milano
19. 06. 2021 00:16

L’allarme della Rete No Cpr: «Stanno per riaprire il lager di Milano»

La rete No Cpr denuncia i piani della Prefettura di riaprire il Cpr di via Corelli

Più letti

La rete “No Cpr” lancia l’allarme: secondo le indiscrezioni il Centro di Permanenza per il Rimpatrio di via Corelli riaprirà a metà ottobre.

Il comunicato. «Seguendo le tracce, i movimenti in corso, i bandi che la Prefettura ha pubblicato siamo certi dell’apertura a ottobre e abbiamo deciso di non tacere – si legge in un comunicato della Rete No Cpr -. Noi denunciamo che in un periodo che vede le vite di tutte e tutti sconvolte dalla pandemia da Covid 19 il progetto di aprire il lager di via Corelli è andato avanti. Presto giungerà a compimento, come già ci era stato annunciato nell’incontro che abbiamo avuto con la Prefettura a giugno. Sarà una struttura che potrà detenere 150 persone private dei più elementari diritti umani senza aver commesso alcun reato».

La rete ha organizzato per il 2 ottobre un presidio davanti alla Prefettura. «Denunciamo – prosegue il comunicato – la scelta politica compiuta da questo Governo e dalla ministra Luciana Lamorgese: nessuna discontinuità con le politiche razziste e repressive del suo predecessore Matteo Salvini».

Anche l’assessore alla Sicurezza De Corato sembra confermare la riapertura. «Secondo quanto riportato da notizie di stampa – ha affermato -, tra qualche giorno, a fine settembre, verrà finalmente aperto il Centro di permanenza per il rimpatrio (Cpr) di via Corelli a Milano, con buona pace di Majorino e Rabaiotti che ne avrebbero voluto fare un centro di accoglienza per migranti».

In breve

Milano, novantaduenne in scooter si schianta contro un auto: è grave

L'incidente è avvenuto tra via Macchi e via Vitruvio a Milano: un novantaduenne in scooter si è schiantato contro...