7.3 C
Milano
25. 01. 2021 15:44

L’allarme della Rete No Cpr: «Stanno per riaprire il lager di Milano»

La rete No Cpr denuncia i piani della Prefettura di riaprire il Cpr di via Corelli

Più letti

Sala: «Fontana dice che non è colpa di nessuno, ma un colpevole c’è»

Il sindaco Sala si rituffa nella bagarre mediatica relativa agli errori sulla trasmissione dell'indice Rt da parte della Lombardia....

Il professor Remuzzi sponsorizza il vaccino russo: «Non è perfetto, ma sostanzialmente funziona»

Il professor Giuseppe Remuzzi, direttore dell'istituto Mario Negri propone una soluzione per far fronte alle mancate distribuzioni del vaccino...

Vaccino anti-Covid, via al richiamo: all’ASST Gaetano Pini inizia la seconda fase

Nonostante i ritardi della Pfizer, proseguono le vaccinazioni a Milano .Questa mattina è iniziata la seconda fase della somministrazione...

La rete “No Cpr” lancia l’allarme: secondo le indiscrezioni il Centro di Permanenza per il Rimpatrio di via Corelli riaprirà a metà ottobre.

Il comunicato. «Seguendo le tracce, i movimenti in corso, i bandi che la Prefettura ha pubblicato siamo certi dell’apertura a ottobre e abbiamo deciso di non tacere – si legge in un comunicato della Rete No Cpr -. Noi denunciamo che in un periodo che vede le vite di tutte e tutti sconvolte dalla pandemia da Covid 19 il progetto di aprire il lager di via Corelli è andato avanti. Presto giungerà a compimento, come già ci era stato annunciato nell’incontro che abbiamo avuto con la Prefettura a giugno. Sarà una struttura che potrà detenere 150 persone private dei più elementari diritti umani senza aver commesso alcun reato».

La rete ha organizzato per il 2 ottobre un presidio davanti alla Prefettura. «Denunciamo – prosegue il comunicato – la scelta politica compiuta da questo Governo e dalla ministra Luciana Lamorgese: nessuna discontinuità con le politiche razziste e repressive del suo predecessore Matteo Salvini».

Anche l’assessore alla Sicurezza De Corato sembra confermare la riapertura. «Secondo quanto riportato da notizie di stampa – ha affermato -, tra qualche giorno, a fine settembre, verrà finalmente aperto il Centro di permanenza per il rimpatrio (Cpr) di via Corelli a Milano, con buona pace di Majorino e Rabaiotti che ne avrebbero voluto fare un centro di accoglienza per migranti».

In breve

Il professor Remuzzi sponsorizza il vaccino russo: «Non è perfetto, ma sostanzialmente funziona»

Il professor Giuseppe Remuzzi, direttore dell'istituto Mario Negri propone una soluzione per far fronte alle mancate distribuzioni del vaccino...

Potrebbe interessarti