5.8 C
Milano
28. 11. 2020 00:51

Milano, i lavoratori dello spettacolo ancora in piazza: «La Regione se ne frega»

I lavoratori dello spettacolo si mobilitano per l'ennesima volta: il racconto della protesta

Più letti

Un “albero di bauli” per non dimenticare i lavoratori dello spettacolo

Il mondo dello spettacolo offrirà a Milano il suo particolare albero di Natale. A partire dal 7 dicembre al...

Bollettino regionale, nuovo calo dei ricoverati: Milano, +722 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 5.389, di cui 530 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (40.931...

La fiaba di Natale di Shannon: la clochard americana torna a casa grazie alla solidarietà dei milanesi

Sembra una delle classiche storie di Natale che si vedono nei tanti film del periodo ed invece è tutto...

I lavoratori dello spettacolo tornano a far sentire la proprio voce e la proprio rabbia sotto Palazzo Lombardia. «Cultura e spettacolo sono uno di quei settori più colpiti, peggio tutelati e ritenuti più sacrificabili», è il leitmotiv pieno d’amarezza che ormai scandiscono i manifestanti.

La protesta. Sotto Palazzo Lombardia si sono riuniti circa un centinaio di persone per denunciare tutte le difficoltà questa emergenza sanitaria ha creato alle vite dei lavoratori dello spettacolo.

Nel mirino c’è soprattutto la Regione ritenuta uno spettatore immobile davanti a tutta questa situazione. «Regione Lombardia è stata una controparte assolutamente indifferente – affermano gli organizzatori della protesta – . Abbiamo più volte cercato un dialogo che ci è stato negato, abbiamo chiesto che anche la Lombardia potesse stanziare parte del Fondo sociale europeo per il sostegno al reddito dei settori più colpiti. Con questa nuova chiusura non accetteremo passivamente un rimbalzo di responsabilità fra i vari livelli istituzionali».

Reddito di continuità. Per poter far fronte alla terribile situazione economica in cui vertono, i lavoratori dello spettacolo chiedono l’introduzione di un reddito di continuità per tutto il 2021 per «garantire la sopravvivenza economica e psicologica, tutele e sicurezza sul lavoro, una ripartenza consapevole con protocolli nazionali chiari e, soprattutto, una riforma radicale dell’intero settore».

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

Un “albero di bauli” per non dimenticare i lavoratori dello spettacolo

Il mondo dello spettacolo offrirà a Milano il suo particolare albero di Natale. A partire dal 7 dicembre al...

Bollettino regionale, nuovo calo dei ricoverati: Milano, +722 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 5.389, di cui 530 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (40.931 oggi) e positivi che sale...

La fiaba di Natale di Shannon: la clochard americana torna a casa grazie alla solidarietà dei milanesi

Sembra una delle classiche storie di Natale che si vedono nei tanti film del periodo ed invece è tutto realtà. L'ambientazione di questa vicenda...

Sulla Statale Val Tidone come in pista: troppe infrazioni per eccesso di velocità

La Città metropolitana di Milano, nell’ambito del proprio progetto di Sicurezza Stradale volto alla riduzione dell’incidentalità a tutela dei cittadini, ha installato ed attivato...

Fontana: «Ora siamo in zona arancione»

La Lombardia passa da zona rossa a zona arancione. Ad annunciarlo il governatore Fontana su Twitter. Si attende solo l'ufficialità del governo. Il tweet. «Grazie...

Potrebbe interessarti