6.2 C
Milano
07. 03. 2021 00:55

Milano, continua l’occupazione del Parini: «Faremo lezioni di didattica alternativa in presenza»

Sono circa 40 i ragazzi all'interno del Parini: nel pomeriggio una nuova assemblea

Più letti

Campagna vaccinale, anche le moschee offrono i loro spazi per le somministrazioni

Sulla scia di quanto già avvenuto in Inghilterra, anche le moschee italiane mettono a disposizione i propri spazi per...

Bollettino regionale, continua a crescere il tasso di positività: 1.450 contagi tra Milano e provincia

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 5.658 con la percentuale tra tamponi eseguiti (58.505 oggi) e positivi...

La provocazione dell’ “artivista” Cristina Donati Meyer: la Darsena si tinge di fucsia

Una nuova provocazione dell' "artivista" Cristina Donati Meyer in occasione della Festa della Donna: la Darsena si colora di...

La protesta contro la DAD continua così come le nuove occupazioni degli istituti milanesi. Oggi è stata la volta del liceo classico Parini che si trova in centro città a due passi dal quartiere Brera, oltretutto nella stessa via in cui vive il sindaco Sala.

Occupazione. Gli studenti si sono presentati all’ingresso della scuola intorno alle 8 e hanno tentato di entrare all’interno. Nessuno ha opposto resistenza, così hanno potuto occupare facilmente il liceo.

«È stato certamente un ingresso pacifico – racconta Alessandro ai microfoni di Mi-Tomorrow -. Non abbiamo assolutamente interrotto le lezioni in DAD che i professori stavano svolgendo nelle aule, ma ci siamo sistemati al primo piano distanziati e dopo esserci messi d’accordo con i bidelli e la dirigenza. Durante la mattina abbiamo seguito anche noi le lezioni nel cortile della scuola, per poi ripararci all’interno a causa del freddo. Nel pomeriggio faremo un’assemblea per discutere su come organizzarci nei prossimi giorni. Il nostro intento è di fare lezioni di didattica alternativa in presenza. Vedremo se gestirle diretttamente noi o chiamare degli esterni. Discuteremo anche di questo con la dirigenza della scuola».

Il preside del liceo Massimo Nunzio Barrella ha deciso di rimanere nell’edificio con i ragazzi per tutelare la loro sicurezza. «In queste settimane per loro c’è un problema di natura psicologica ancora prima che di didattica, c’è un’esasperazione che i ragazzi hanno raggiunto per mancanza di relazioni – ha spiegato -. C’era stata l’illusione del rientro l’ 11 gennaio, noi eravamo pronti ma non siamo rientrati e questo ha gettato tutti nello sconforto. Io sono il primo che vorrei rientrare a scuola con i ragazzi ma ci sono decisioni politiche da rispettare»

In breve

La provocazione dell’ “artivista” Cristina Donati Meyer: la Darsena si tinge di fucsia

Una nuova provocazione dell' "artivista" Cristina Donati Meyer in occasione della Festa della Donna: la Darsena si colora di...