7.4 C
Milano
28. 11. 2020 20:44

Milano, l’oste controcorrente: «Non abbiamo nessuno su cui puntare il dito»

Il proprietario di "Birra e Polpette" prende con filosofia il nuovo Dpcm

Più letti

Bollettino regionale, la curva punta verso il basso: Milano, +641

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.615, di cui 432 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (37.286...

“Suoniamogliele!”, la tamburellata di “Non una di meno” sotto Palazzo Lombardia

Le donne di "Non una di meno" si riprendono la piazza. A tre giorni dalla giornata internazionale contro la...

Milano, prolungato lo stop dei mercatini dell’ “illegalità” di viale Puglie

Sono state firmate oggi due ordinanze contingibili e urgenti per prorogare fino al 31 gennaio la sospensione dei due...

L’oste del locale “Birra e Polpette” di via Bligny va controcorrente. Potrebbe lamentarsi ed inveire contro il nuovo Dpcm, ma ha deciso che non ne vale la pena. Soprattutto, non se la sente di trovare dei capri espiatori a questa drammatica situazione.

Il post. «La realtà è che stavolta – scrive il gestore del locale milanese  in un post su Facebook – non abbiamo proprio nessuno su cui puntare un dito: è semplicemente più grande di noi. Così, esattamente come previsto, ci chiudono di nuovo. Da domani delivery. Il che, nella maggior parte dei casi vuol dire lasciare a casa gente che vale e piazzarsi ad aspettare un messaggio di qualche glovo».

birra polpette milano

Tuttavia per l’oste di “Birra e Polpette” la soluzione non è la protesta. «Ci si può lamentare. Prendersela con Conte. Possiamo essere arrabbiatissimi coi bonus di tutto-tranne-noi e Sala e questo e quello, ma litigare tra formiche di sicuro non è la formula per guarire una pandemia».

A suo dire non resta che reinventarsi, come da sempre è stato abituato a fare il mono della ristorazione. «Quello che resta è che dovremo inventare un modo per galleggiare nell’attesa di capire cosa sarà – scrive ancora l’oste nel post -. Quindi la scelta dell’oste è quella di non piatire; di tenere la testa alta che se la chini l’aria è più pesante. La scelta è sorridere perché siamo vivi e se ci tocca trovare un modo per starci dentro è perché in fondo, salvo rare eccezioni, è sempre stato così. Ed ecco il punto: non andrà affatto tutto bene. Andrà tutto diversamente e saremo noi, ognuno di noi, a decidere se sarà bene. Chiusi è prima di tutto uno stato mentale».

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

A Milano nonostante la pandemia è di nuovo allarme smog

La qualità dell'aria torna a preoccupare. Nella giornata di ieri le centraline dell'Arpa hanno registrato concentrazioni di polveri sottili...

“Suoniamogliele!”, la tamburellata di “Non una di meno” sotto Palazzo Lombardia

Le donne di "Non una di meno" si riprendono la piazza. A tre giorni dalla giornata internazionale contro la violenza delle donne, un presidio...

Milano, prolungato lo stop dei mercatini dell’ “illegalità” di viale Puglie

Sono state firmate oggi due ordinanze contingibili e urgenti per prorogare fino al 31 gennaio la sospensione dei due mercatini che si tenevano ogni...

Ursula Von der Leyen: «Milan l’è un gran Milan». Il video

La presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen ha speso parole di stime nei confronti di Milano in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università...

A Milano nonostante la pandemia è di nuovo allarme smog

La qualità dell'aria torna a preoccupare. Nella giornata di ieri le centraline dell'Arpa hanno registrato concentrazioni di polveri sottili oltre i limiti. A Milano...

Potrebbe interessarti