17.9 C
Milano
07. 05. 2021 12:45

A Milano i lavoratori Amazon incrociano le braccia: consegne a rischio in tutta la città

L'e-commerce ha subito un boom nell'ultimo anno, ma lo stesso non si può dire delle condizioni dei lavoratori

Più letti

Quest’oggi incrociano le braccia i lavoratori di Amazon, con conseguente rischio di mancate consegne per i numerosissimi pacchi distribuiti quotidianamente. Le principali sigle sindacali hanno indetto una sciopera della durata di 24 ore.

Protesta. L’anno della pandemia ha rappresentato un importante boom per il settore dell’e-commerce, il quale però non è stato accompagnato dal miglioramento delle condizioni di lavoro per il personale impiegato.

«I lavoratori sono stremati, non ce la fanno più – spiega Michele De Rose, segretario nazionale della Filt Cgil – e Amazon non risponde alla richiesta di confronto. I driver, cioè coloro che consegnano materialmente i pacchi, arrivano a fare anche 44 ore di lavoro settimanale, e molto spesso per tutto il mese, inseguendo le indicazioni di un algoritmo che non conosce né le norme di conciliazione dei tempi di vita-lavoro né tantomeno i tempi del traffico delle nostre città. Dalla controparte non abbiamo trovato nessun ascolto né sui carichi di lavoro, né sulla clausola sociale in caso di cambi d’appalto, né tanto meno sulla stabilizzazione dei precari, che sono le nostre richieste principali».

In breve

Milano, le Comunali si giocano anche sul tema della maternità: posizioni a confronto

La festa della mamma è l’occasione per considerare come le istituzioni stiano lavorando per agevolare le maternità. Dalle interviste...