2.3 C
Milano
21. 01. 2021 02:21

Milano senza turisti: una card per salvare i cantieri del Duomo

Il calo di turisti svuota le casse del Duomo: l'iniziativa per fronteggiare la crisi

Più letti

Bollettino regionale, leggero aumento di ricoveri nei reparti ospedalieri: Milano, +187 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.876, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

«Basta, siamo stremati», una nuova protesta dei ristoratori: cesti di prodotti scaduti per il Prefetto

I ristoratori sono nuovamente sul piede di guerra. Domani andrà in scena una nuova manifestazione che si svolgerà al...

Terza ondata? Galli: «Al momento non ci sono segnali»

Quando arriverà la terza ondata? Molto probabilmento non ora. Ne è convinto il professor Massimo Galli, direttore del reparto...

La mancanza di turisti è una grave piaga per Milano e lo è anche per le casse del Duomo. Solo quest’anno si stima una perdita di ben 23 milioni di euro. Per far fronte alle perdite, le quali potrebbero influire anche sugli esosi cantieri necessari per i continui restauri, la Veneranda Fabbrica del Duomo ha ideato la “Duomo Card”.

L’iniziativa.  La “Duomo Card” – disponibile dal 25 novembre su duomomilano.it, – è una sorta di “biglietto sospeso”, che anticipa l’esperienza di visita: al suo interno un biglietto d’accesso al Duomo, comprendente anche l’area archeologica, e  l’accesso illimitato al Museo del Duomo per un anno, utilizzabile dalla riapertura. Inoltre i possessori dalla card potranno accedere a tutti i  contenuti multimediali per esplorare i tesori della Cattedrale e seguirne i restauri da un’area riservata sul sito. Infine anche la possibilità di scegliere un omaggio dal merchandising della cattedrale, tra cui il celebre «Panettone del Duomo di Milano». I prezzi, a seconda del pacchetto scelto, varierà dai 30 ai 100 euro.

L’Albero di Natale di piazza Duomo è firmato Coca-Cola

«Nel 2019 avevamo avuto circa 2,8 milioni di visitatori – ha dichiarato il presidente della Veneranda Fabbrica, Fedele Confalonieri -, di cui oltre il 60 per cento proveniente da Paesi stranieri. Le cifre parlano chiaro, e stimiamo che per quest’anno ci fermeremo a poche decine di migliaia. Anche l’anno prossimo, purtroppo, prevediamo che non ci saranno grandi cambiamenti, quindi dobbiamo affrontare una realtà drammatica»

In breve

«Venite, ho sparato ad una persona in metro», lo scherzo finito male di un ragazzino milanese

Gli uomini del 118 hanno ricevuto una richiesta d'aiuto lo scorso lunedì: dall'altra parte del telefono qualcuno che affermava...

Potrebbe interessarti