26.1 C
Milano
01. 08. 2021 16:23

Milano, ristoratori in piazza: «Il coprifuoco è devastante»

I ristoratori scendono in strada per opporsi al coprifuoco: il racconto della protesta

Più letti

I ristoratori tornano nuovamente in strada per protestare contro le misure restrittive imposte dal Dpcm e l’ormai imminente coprifuoco. Circa una cinquantina di esercenti si è ritrovato questo pomeriggio sotto palazzo Lombardia per chiedere alla politica di venire incontro al settore.

Sit-in. Tra i manifestanti anche Paolo Polli, il ristoratore già fautore della protesta sotto l’Arco della Pace ai tempi della fase 2. «Chiudere alle 23 e non alle 24 non ha senso – ha dichiarato il ristoratore – è solo un modo per non rimborsare i ristoratori, mentre dovrebbero fare ronde e controllare la movida, lasciando che l’economia vada avanti».

Alfredo Zini, ristoratore e cavaliere della Repubblica, ha dato appuntamento ai suoi colleghi giovedì in piazza San Babila per una nuova manifestazione. «Il coprifuoco alle 23 – ha detto Zini – è devastante, alle 22 dovremo mandare via i clienti, perdendo in sostanza il turno delle 21.30, con un’ulteriore riduzione di fatturato. Già con l’ultimo Dpcm sono arrivate una raffica di disdette, non possiamo mettere una famiglia di 8 persone che vive insieme in 2 tavoli diversi, e ora temiamo che il coprifuoco alle 23 abbia un ulteriore effetto psicologico deterrente».

In breve

Scatta il primo weekend dell’esodo estivo: la situazione in stazione Centrale

L'attuale weekend segna l'inizio dell'esodo estivo per i vacanzieri milanesi. Mentre in molti hanno deciso di caricare le proprie...