20.6 C
Milano
23. 06. 2021 03:45

Milano, la Federazione nuoto davanti al Monumentale: è la morte simbolica dello sport

Anche i nuotatori scendono in piazza: il racconto della protesta

Più letti

Anche le Federazioni di nuoto hanno scelto di far sentire la propria voce. Questa mattina, davanti al cimitero Monumentale di Milano hanno esposto cartelloni contro la chiusura degli impianti prevista dal DPCM firmato dal Presidente del Consiglio Conte. Allenatori, dirigenti, bambini e istruttori: «Il cloro uccide tutti i virus», «noi genitori siamo sicuri, senza sport non è vita», sono solo alcune delle tanti frasi presenti sui cartelloni. «La salute è benessere e lo sport è vita», racconta un giovane istruttore: messaggi chiari con una richiesta di riapertura che coinvolge tutto il mondo dello sport.

Nuoto. Le piscine, raccontano i numerosi presenti, sono luoghi sicuri che hanno prontamente adottato tutte le misure richieste per il contenimento dei contagi. Uno sport individuale, che prevede la possibilità di evitare contatti: gli sportivi non vogliono e non possono fermarsi, dopo anni di lavoro e sacrifici. Questo però non sembra bastare, con le strutture costrette alla chiusura. Anche il mondo del nuoto ha aperto all’idea di una manifestazione, che non vuole porre in secondo piano l’emergenza sanitaria che sta colpendo il mondo.

manifestazione nuoto milano

Manifestazione. «È la prima volta nella storia che lo sport scende in piazza», ha raccontato un dirigente di una federazione milanese di nuoto. La scelta di manifestare ha condotto davanti al cimitero Monumentale, con il tema della morte simbolica dello sport e degli sportivi. Bambini con cuffie e occhialini, un trampolino in mezzo alla piazza, una bandiera italiana e tanti striscioni: lo sport non ci sta.

In breve

Corso Buenos Aires, sulle ciclabili si (ri)parte… con polemica

Si può considerare la più controversa realizzazione dell’amministrazione Sala, quella che ha suscitato più polemiche e che ha creato...