3.7 C
Milano
30. 11. 2020 08:38

Milano ricade nell’incubo stupri: una nuova violenza in Gae Aulenti

Una nuova violenza sessuale in pieno centro a Milano: il racconto

Più letti

Bollettino regionale, diminuisce la pressione sugli ospedali: Milano, +386

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.203, di cui 287 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (28.434...

Le piste da sci svizzere sono aperte. I milanesi ci provano?

Di aprire le piste da sci in Italia proprio non se ne parla. Tutto sommato i vicini svizzeri le...

Milano si accende tra sobrietà e speranza: in arrivo le luminarie natalizie

Sobrietà e speranza, sono queste le due parole che caratterizzeranno le luminarie natalizie in città in occasione delle prossime...

Dopo i terribili fatti di Monte Stella avvenuti lo scorso luglio torna l’incubo stupri a Milano. Questa volta a farne le spese è stata una donna 34 enne di origini polacche violentata in zona Gae Aulenti.

Il racconto. I fatti risalgono alla notte tra il 25 e il 26 agosto. Gli agenti notano in viale Liberazione, il corso che taglia il City Life, una donna vagare con lo sguardo disorientato. Si avvicina alla volante e dichiara senza forze: «Forse mi hanno stuprata, non ricordo niente».

Gli agenti la portano immediatamente alla Clinica Mangiagalli, dove i medici del Soccorso violenza sessuale riscontrano delle echimosi compatibili con uno stupro. La ragazza racconta di essere stata con degli amici in un locale di via Como, di aver bevuto e di non ricordarsi bene l’accaduto. È sotto choc: firma le dimissioni e decide di uscire dall’ospedale senza deporre alcuna denuncia.

stupro gae aulenti milano

L’indagine. Ciò nonostante viene avvertito il procuratore aggiunto Letizia Mannella, specializzata in questi casi. Così gli investigatori iniziano a ricostruire l’accaduto cercando testimonianze ed analizzando le telecamere della zona.

I giorni passano ed improvvisamente la ragazza si presenta di nuovo alla Clinica Mangiagalli. Gli psicologi, assieme ai poliziotti della Mobile che si occupano di reati sessuali, la aiutano a trovare la forza per raccontare. I ricordi restano un po’ confusi, annebbiati dall’alcol e dallo choc di quella notte.

Alla fine trova le parole per descrivere l’accaduto: una persona l’avrebbe sorpresa alle spalle, presa e trascinata lungo una delle scalinate che circondano la piazza. Qui si sarebbe consumato lo stupro. Nessuno avrebbe visto nulla.

Ora è caccia allo stupratore. A supportare le indagini ci sarebbero anche delle tracce biologiche individuate dalla Scientifica. Sarà una corsa contro il tempo per cancellare questo nuovo incubo abbattutosi su Milano.

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

La zona arancione non piace ai ristoratori: «Basta, siamo stremati. Torniamo in piazza»

Oggi riaprono i negozi, ma non ancora bar e ristoranti. «Basta, siamo stremati, senza ulteriori aiuti la ristorazione muore»,...

Le piste da sci svizzere sono aperte. I milanesi ci provano?

Di aprire le piste da sci in Italia proprio non se ne parla. Tutto sommato i vicini svizzeri le hanno già aperte. Ma è...

Milano si accende tra sobrietà e speranza: in arrivo le luminarie natalizie

Sobrietà e speranza, sono queste le due parole che caratterizzeranno le luminarie natalizie in città in occasione delle prossime festività. Una scelta voluta dall’Amministrazione,...

La zona arancione non piace ai ristoratori: «Basta, siamo stremati. Torniamo in piazza»

Oggi riaprono i negozi, ma non ancora bar e ristoranti. «Basta, siamo stremati, senza ulteriori aiuti la ristorazione muore», è il grido d’allarme rilanciato...

Cenone a Natale e Capodanno? Il decreto serve l’escamotage

Nel decreto emanato lo scorso 24 ottobre era presente una piccola falla nelle restrizioni legate al mondo della ristorazione. Mentre a bar e ristoranti...

Potrebbe interessarti