2 C
Milano
20. 01. 2021 07:04

Milano, i negazionisti vandalizzano l’opera di Cristina Donati Meyer: «Ti veniamo a prendere»

I negazionisti ricoprono di insulti il murales dell'artista: le immagini

Più letti

Martina Luoni, la “Milanese del 2020”, si racconta: «Sto provando a vincere il buio»

«Buongiorno a tutti, per chi non mi conoscesse sono Martina, ho 26 anni e tre anni fa mi è...

Bollettino regionale, meno di 1.000 contagi in Lombardia: Milano, +139

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 930, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Il declassato Gallera torna in consiglio: «Sto recuperando le mie energie psico-fisiche»

Gallera torna in consiglio regionale per la prima volta nel 2021 e lo fa da semplice consigliere. Tra gli...

L’ultima opera della street artist Cristina Donati Meyer è stata vandalizzata da alcuni negazionisti: hanno ricoperto l’immagine del “Babbo Natale ai tempi del Covid” con diverse scritte ed insulti.

Odio social. L’ultima creazione dell’ “artivista”, apparsa a Milano lungo il Naviglio Grande, era un invito a rendere il uovo vaccino anti-Covid fruibile per tutti. «Le grandi compagnie farmaceutiche – aveva dichiarato Donati Meyer – hanno ricevuto immensi fondi pubblici per le loro ricerche, rendano, quindi, disponibili i vaccini alle persone, con il giusto guadagno ma senza speculazioni e profitti abnormi o illeciti».

cristina donati meyer

Ma le azioni dei negazionisti non si sono fermate al vandalismo. Alcuni di loro hanno scritto direttamente all’artista sui social minacciandola con frasi come «ti veniamo a prendere». Cristina Donati Meyer sta valutando al momento se denunciare per vie legali l’accaduto. «Anche di fronte alla potenziale ottima notizia di un vaccino – ha commentato – i negazionisti dell’intelligenza urlano sguaiatamente al complotto mondialista. Con questi personaggi, l’umanità è davvero al capolinea» .

 

In breve

MIlano, all’asilo di via Massaua si battono i denti: condizioni inaccettabili per i genitori dei piccoli alunni

«Nella scuola di mio figlio c’erano appena 3 gradi: bambini e maestre dovevano indossare tutto il tempo sciarpa e...

Potrebbe interessarti