11.1 C
Milano
23. 10. 2021 04:04

Occupato l’ex liceo Manzoni: «Vogliamo reali investimenti sull’edilizia scolastica»

Nel pomeriggio di ieri gli studenti hanno occupato il vecchio edificio scolastico

Più letti

L’Unione degli Studenti annuncia l’occupazione dell’ex liceo Manzoni di Milano. «Oggi abbiamo liberato un istituto abbandonato da 10 anni per rivendicare più spazi per la scuola – dichiara Simone Botti, studente del Parini – visto che già prima della pandemia il fenomeno delle classi pollaio era critico, con circa 22 studenti in media per classe in Lombardia. Per il rientro a settembre vogliamo spazi adeguati per garantire la salute di tutte e tutti».

Nota. Nel comunicato viene sottolineato come la Lombardia abbia «le classi più affollate di tutto il paese: nei pochi spazi che abbiamo spesso e volentieri ci sono condizioni precarie – spiega Simone – ad esempio, al liceo Casiraghi un paio di settimane fa è caduto un controsoffitto durante le lezioni dove già nel 2014 una ragazza era rimasta ferita per lo stesso motivo. Vogliamo un reale investimento sull’edilizia scolastica – conclude Simone – per permettere la messa in sicurezza degli attuali edifici scolastici e la riqualificazione di quelli come l’ex Manzoni che stiamo oggi liberando, uno dei tanti spazi di Milano che vengono abbandonati dalle istituzioni dimenticandosi dei tassi di abbandono scolastico e di povertà educativa incrementati dalla pandemia».

E ancora: «Questa è allo stesso tempo la fine e l’inizio di un percorso – aggiunge Ludovico Ottolina, studente del liceo Einstein – Abbiamo iniziato 2 mesi fa a fare assemblee nelle scuole per discutere insieme a chi vive la scuola quali siano le criticità e le alternative all’attuale modello scolastico. Ora è arrivato il momento di ricostruire la scuola dal basso, ormai distrutta da politiche miopi che si sono susseguite negli ultimi anni indipendentemente dai colori politici».

Domenica. «Questa domenica 23 – rilancia Ludovico Di Muzio, coordinatore dell’UDS Lombardia – concluderemo in questo spazio la nostra campagna Cantiere Scuola con un’assemblea studentesca dalle ore 10, e un’assemblea regionale in diretta streaming dalle ore 14 a cui parteciperanno anche tanti ospiti e realtà lombarde con cui abbozzeremo il Manifesto per la scuola pubblica regionale”.

Gli studenti sono intenzionati a dormire all’interno dell’edificio, con le dovute distanze e misure di sicurezza. Nella giornata di domani (sabato 22) puliranno e riqualificheranno lo spazio per ospitare l’evento regionale di domenica e far capire che un’altra scuola è possibile.

In breve

Alla Triennale c’è “Refocus”, la pandemia raccontata da 40 giovani fotografi

La pandemia raccontata dagli scatti fotografici di 40 giovani fotografi: fino al 21 novembre negli spazi della Triennale di...