3.2 C
Milano
03. 12. 2020 18:53

Ospedale Sacco, parla il dottor Olivieri: «I numeri ci hanno sopraffatto. C’è da aver paura»

Il direttore medico del Sacco lancia l'allarme sulla situazione in corsia a Milano

Più letti

Bollettino regionale, triste record di morti nelle ultime 24 ore: Milano, +438

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.751, di cui 342 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (36.271...

Le cartoline di Natale dei ragazzi dello Ied per essere diversamente “positivi”

Dare una nuova e ulteriore accezione alla parola positivo, ovvero essere contagiosi ma in modo diverso rispetto a quanto...

“Aquile randagie”, un documentario per ricordare il gruppo ribelle di scout milanesi

Nel gennaio 1927 Mussolini decretò lo scioglimento dei reparti scout, affidando la disciplina muscolare dei giovani italiani all'Opera Barilla....

Il professor Pietro Olivieri, direttore medico del presidio ospedaliero del Sacco, intervistato durante la trasmissione “Tagadà” ha fatto il punto sulla situazione dell’ospedale milanese.

La situazione. Da alcuni giorni il Sacco non riceve più in pronto soccorso i pazienti afflitti da patologie diverse dal Covid, i quali vengono dirottati al Fatebenefratelli. «Non siamo un ospedale Covid – racconta Olivieri – anche se caratterizzato dalle malattie infettive. I numeri ci hanno sopraffatto all’improvviso negli ultimi dieci giorni. C’è da avere paura: abbiamo saturato 75 posti di malattie infettive»,

Il dottore del Sacco tende a non minimizzare il parallelismo tra prima ondata e seconda ondata. «Sarà pur vero che non siamo nella stessa situazione critica della prima ondata- ha aggiunto -, ma questa volta Milano è l’epicentro della pandemia in Lombardia, mentre nei mesi scorsi era stata solo sfiorata. È questo il fattore preoccupante».

pietro olivieri sacco milano

Tuttavia nonostante le condizioni cliniche non siano gravi come durante il lockdown, Oliveri mette in guardia sulla saturazione dei posti disponibili: «Le terapie intensive stanno raggiungendo il livello di guardia».

 

In breve

Le cartoline di Natale dei ragazzi dello Ied per essere diversamente “positivi”

Dare una nuova e ulteriore accezione alla parola positivo, ovvero essere contagiosi ma in modo diverso rispetto a quanto...

Le cartoline di Natale dei ragazzi dello Ied per essere diversamente “positivi”

Dare una nuova e ulteriore accezione alla parola positivo, ovvero essere contagiosi ma in modo diverso rispetto a quanto abbiamo sperimentato da nove mesi...

“Aquile randagie”, un documentario per ricordare il gruppo ribelle di scout milanesi

Nel gennaio 1927 Mussolini decretò lo scioglimento dei reparti scout, affidando la disciplina muscolare dei giovani italiani all'Opera Barilla. Un gruppo di scout tutto...

Milano, senza pendolari i treni regionali diventano terra di nessuno: ubriachi e senza mascherina. Il video

La situazione di degrado sui treni regionali è preoccupante. Senza impiegati e studenti costretti a casa dalle restrizioni dell'ultimo Dpcm, i vagoni si sono...

Milano, Sant’Ambrogio rivive sui muri della città

Tra pochi giorni si celebrerà il santo patrono di Milano, Sant'Ambrogio. La città ha voluto omaggiarlo con un grande murales in fase di completamente...

Potrebbe interessarti